Le bandiere non si ammainano: il Cesena riparte da Petralia e Pignagnoli

17.06.2021 22:11 di Giorgia Foschi   vedi letture
Le bandiere non si ammainano: il Cesena riparte da Petralia e Pignagnoli
© foto di Andrea Vegliò

Alice Pignagnoli ed Eleonora Petralia, ovvero portiere e capitano, saranno i punti di riferimento dai quali ripartirà il Cesena femminile nella prossima stagione. Su Pignagnoli, soprannominata "mamma volante" per essere diventata madre a cavallo delle ultime due stagioni in bianconero, si è già detto tanto: del suo rapporto con la squadra, dell'attaccamento ai colori bianconeri e della sua voglia di tornare subito in campo dopo la gioia del parto. Petralia, forse rimasta più in ombra a livello mediatico, è ormai da anni il leader della squadra sia in campo che fuori: inevitabile che la società decidesse di ripartire proprio da queste due atlete. 

"Sono orgogliosa di annunciarvi il mio rinnovo per la prossima stagione con il Cesena FC femminile - ha scritto Pignagnoli sui social -  Non vorrei giocare per nessun'altra squadra, se non per quella che è diventata la mia seconda famiglia, la mia seconda casa. Ringrazio società e staff tecnico per la fiducia rinnovata e spero come sempre, di poter restituire quella fiducia sul campo, con il lavoro e la fatica". Sulla stessa lunghezza d'onda si è espressa il capitano: "Ancora CESENA! Esistono molte cose che catturano lo sguardo, ma solo poche catturano il tuo cuore: segui quelle".

Petralia ha iniziato la sua avventura in Romagna nel 2017 con il Castelvecchio, poi diventato Cesena FC, mentre per Pignagnoli la prossima sarà la terza stagione a difesa della porta bianconera.

Il mercato e il futuro. La stagione appena conclusa ha visto un Cesena andare oltre le aspettative e questo è merito sicuramente del lavoro di società e mister ma anche della crescita personale di tante giocatrici. Tra queste si possono citare Casadei, Carlini e Porcarelli che fanno parte da tanti anni di questo gruppo e che meriterebbero la riconferma per continuare il percorso di crescita.  Sicuramente sarà necessario andare sul mercato per trovare una punta che segni tanto: quest'anno i gol del centravanti sono mancati e in certe partite stregate il fiuto del gol di una numero 9 sarebbe stato prezioso.

Una menzione particolare se la meritano la greca Georgiou e Papaleo. La prima è arrivata ad inizio anno dopo il brutto infortunio della Nagni che le è costato la stagione. La greca è di un'altra categoria: quando c'era lei in mezzo al campo la differenza era tanta. È tostissima e lotta tanto. La Papaleo (attaccante) è arrivata nel mercato invernale, è scesa di categoria (Hellas): il suo impatto è stato super positivo sin dalle prime partite e tante volte è stata una delle migliori in campo. Le possibilità di trattenere la punta in Romagna sono concrete anche per una scelta di vita, mentre Georgiou potrebbe salire di categoria.

Da valutare infine le possibili conferme di Cuciniello e Pastore. La prima è alla sua terza stagione in Romagna: a volte un po' discontinua ma nelle ultime due annate è cresciuta tantissimo e quest'anno è stata tra le migliori. Pastore in campo non ti lascia vivere: tiene sempre sull'attenti le altre compagne, ha esperienza ed è brava. Ha quasi 37 anni, non più giovanissima quindi, ma decisamente esperta.