Cesena - Brescia 2-0| "In campo abbiamo undici guerriere"

20.04.2021 18:00 di Giorgia Foschi   Vedi letture
Fonte: in collaborazione con Zena Foschini
© foto di Andrea Vegliò
Cesena - Brescia 2-0|  "In campo abbiamo undici guerriere"

Serie B femminile 
22° giornata 

Cesena    2 (35' Porcarelli, 47' Cuciniello)
Brescia    0


Cesena: Pignagnoli, Casadei, Cuciniello, Pavana, Pastore, Bizzocchi (83’ Paolini), Del Francia, Simei (90+2’ Carlini), Porcarelli (83’ Zani), Petralia, Papaleo (70’ Gallina).
A disp: Pacini, Damiano, Costi, Montes De Oca, Georgiou
All: Rossi

Brescia: Gilardi, Massussi (67’ Brayda), Ghisi (83’ Barcella), Locatelli, Brevi (83’ Colombo), Viscardi (80’ Ronca), Galbiati, Previtali (80’ Parsani), Merli L., Merli C., Magri
A disp: Meleddu, Verzeletti, Martino, Pasquali
All: Macri
 

Arbitro: Dino Matteo di Città di Castello
Assistenti: Cardinali Giancarlo di Perugia e Ottobretti Mauro di Foligni

Ammonizioni: 43’ Brevi (B), 57’ Ghisi (B), 59’ Casadei (C), 62’ Viscardi (B) 77’ Rossi (All. Cesena)
Espulsioni: 69’ Casadei (C)


A Cesena arriva un Brescia con zero sconfitte stagionali in trasferta e in cerca di punti salvezza, mentre la squadra bianconera deve riscattarsi dalla brutta sconfitta subita sette giorni fa contro il Como. Mister Rossi nelle precedenti partite aveva dovuto fare a meno di Georgiou e Costi per infortunio: purtroppo la fortuna non lo ha assistito, aggiungendo alla lista delle indisponibili Carlini, Montes De Oca, Orlando e Beleffi, oltre alle assenti da inizio stagione quali Nagni e Casadio. 


Primo tempo 
La sfida inizia in leggero sottotono rispetto a quanto ci hanno abituato le ragazze bianconere, tanto che al 4’ capitan Brevi lancia un filtrante alto per Ghisi, la quale supera la linea difensiva bianconera, pronta per colpire il pallone di testa. Pignagnoli esce ma lo scontro con Pastore non le permette di mettere al sicuro la sfera. Cerca di approfittarne la numero 18 Merli Luana, che prova a controllare ma non è precisa: Casadei intercetta il pallone e, dopo un pericoloso (e sfortunato) passaggio addosso alla stessa 18, la palla arriva tra i piedi di Pastore che pulisce l’area. Al 13’ ci riprova il Brescia con un lancio lungo del portiere Gilardi, direttamente nell’area bianconera: Casadei anticipa di testa Merli L., rischiando però l’assist all’avversaria. Merli prova il tiro ma è brava Pignagnoli a leggere la situazione, distendendosi e salvando in angolo direttamente con i piedi.  I primi 20 minuti vedono il Brescia padrone del centrocampo con possesso palla e lanci lunghi, oltre ad una difesa basata sul raddoppio di marcatura, che non ha permesso alle bianconere di impostare. 
Al 24’ il primo squillo del Cesena con Porcarelli che intercetta il pallone, dribbla tre avversarie e corre come un fulmine verso l’area avversaria; ad aspettarla Papaleo che, una volta servita dalla compagna, tira di prima direttamente in porta: Gilardi para ma non trattiene, assegnando alla squadra di casa un calcio d’angolo. Ribaltamento di campo al 28’: Merli Cristina lancia un ottimo filtrante per Merli L. che da posizione defilata prova il tiro, a lato di poco.  Le biancoblu non mollano e ci provano un minuto dopo: Merli C. serve Massussi, alla quale risponde Pignagnoli con un’altra eccellente uscita coi piedi. La sfera rimbalza in area, arriva di nuovo Merli C. la quale cerca di indirizzarla in porta: Pastore salva sulla linea, in modo che Pignagnoli possa distendersi e far terminare un’azione altamente pericolosa. 
Il Cesena non ci sta e decide di prendere in mano le redini del gioco: Pastore batte la punizione, respinta di testa da Brevi sui piedi di Porcarelli, che si coordina e centra la porta con un gol che sblocca la partita. Le bianconere ci prendono gusto e continuano ad attaccare, al 38' il filtrante di Capitan Petralia innesca Papaleo, che perde un tempo di gioco e ripiega su Del Francia: uno scambio tra le due porta la numero 29 a tirare da posizione defilata, senza però finalizzare.


Secondo tempo 
La ripresa si mette subito bene per la squadra bianconera: al 47’ calcio di punizione dalla trequarti laterale, batte Pastore che disegna una traiettoria perfetta per Cuciniello che supera il difensore Brevi e colpisce di testa, battendo anche il portiere avversario. Il secondo gol offre la sicurezza giusta al Cesena che continua a spingere e al 53’ arriva ancora al tiro con Bizzocchi che prova la conclusione dalla distanza parata agevolmente da Gilardi. Pochi minuti più tardi le rondinelle si riaffacciano in area bianconera: Merli Cristina arriva sul fondo e crossa al centro per la testa della compagna Luana Merli, ma anche questa volta Pignagnoli chiude la porta e manda il pallone in calcio d’angolo.
La voglia del Brescia di riaprire la partita porta il Cesena a giocare di contropiede, come al 61’ quando Porcarelli recupera palla a centrocampo e serve la sua compagna di reparto Papaleo: la numero 29 entra in area, salta Galbiati e prova il tiro sul primo palo che finisce a lato di un metro. Quattro minuti più tardi Porcarelli riconquista un altro pallone e si invola verso la porta avversaria resistendo alla marcatura prima di Massussi e poi di Galbiati, arriva sul fondo prova il cross in area ma nessuna bianconera aveva seguito l’azione.
Al 69’ Casadei, ammonita dieci minuti prima, atterra al limite dell’area di rigore Merli L. che stava correndo verso la porta: espulsione diretta e punizione pericolosa che viene però respinta dalla barriera.  L’inferiorità numerica costringe il Cesena a chiudersi nella propria area, mister Rossi inserisce forze fresche e giocatrici più difensive per bloccare gli ultimi attacchi della squadra bresciana. Il muro bianconero regge, anche grazie a una Pignagnoli in versione “saracinesca”, quando al 72’ para l’ennesimo tiro da distanza ravvicinata a Merli Cristina. All’87’ è la traversa ad aiutare il Cesena: batti e ribatti in area bianconera, il pallone arriva sui piedi di Colombo che da due passi colpisce la traversa.
Dopo quattro minuti di recupero l’arbitro fischia la fine e tutta la squadra può finalmente esultare per una vittoria voluta e sofferta!


Una domenica iniziata nel peggiore dei modi con otto giocatrici indisponibili e nella mente la sconfitta di Como, ma questa squadra ancora una volta ha saputo rialzare la testa e giocare una partita di carattere per tutti i 90'. Dalle titolari alle subentrate, le ragazze hanno dato tutto: queste partite il Cesena Calcio ce le ha nel DNA. Non manca molto alla fine del campionato ma comunque andrà la strada intrapresa porterà a un futuro promettente: l’anno prossimo non ci stupirebbe vedere questa squadra tra le prime 2 della classifica, pronta a sfidare il mondo del calcio professionistico. 

Prossimo appuntamento: Domenica 2 maggio Vicenza - Cesena