Le pagelle di Sambenedettese-Cesena | Comincia l’assalto al quinto posto

11.04.2021 18:00 di Giacomo Giunchi   Vedi letture
© foto di Francesco Di Leonforte/TuttoCesena.it
Le pagelle di Sambenedettese-Cesena | Comincia l’assalto al quinto posto

Nardi 6 Tolta quell’uscita poco fortunata, per lui è la solita partita in cui riesce a infondere grande sicurezza alla squadra con la propria prestazione.

Longo 6,5 Bene in entrambe le fasi. Sia in difesa, dove è sempre presente, sia in avanti, dato che non si nega qualche proposizione e un paio di insidiosi palloni buttati nel mezzo. Nel secondo tempo si sposta nel centro della difesa al posto dell’infortunato Ciofi. Duttile.

Ciofi 6,5 Buona prestazione anche la sua, nella quale lascia ben poco spazio agli avversari, dimostrandosi sempre deciso. Sostituito nel secondo tempo per infortunio. (Dal 70' Zappella 6 Ha poco tempo per incidere sul match e per vendicare la sciagurata prestazione contro il Ravenna. Lui comunque ci prova, scambiando bene con i compagni e avanzando, anche se negli ultimi metri si rivela poco preciso. Sarà per la prossima volta.)

Ricci 7 Il vero pilastro difensivo romagnolo in questa partita è lui. Autore, oltre delle innumerevoli chiusure decisive, anche dell’intervento che nega il gol del 2-1 avversario che avrebbe riaperto la partita. Utile anche in fase offensiva, con i suoi lanci sempre insidiosi.

Favale 6,5 L’oramai non più spettinato terzino bianconero disputa una buona prova, condita da diverse incursioni sulla fascia sinistra e da un pallone per Bortolussi che per poco non si trasformava in gol. Il suo tentativo dello scorpione è da brividi.

Capellini 7,5 Nei primi minuti sembra soffrire i dribbling avversari, ma poi ben presto trova la soluzione al problema, avanzando e trovando il gol del 2-0 grazie a un’incursione ignorante tra le linee. Superlativo anche in fase difensiva, dove prende ben presto le misure ai rossoblù. Tabaccaio is back. (Dall’81' Petermann S.V.)

Di Gennaro 7,5 Dicono che il pallone sia attaccato ai suoi piedi con il super-attack più potente al mondo. C’è il suo zampino in entrambi i gol; nel primo serve splendidamente Collocolo in campo aperto, mentre nel secondo realizza un cambio gioco al bacio, che poi si trasformerà nella successiva rete di Capellini. Professore.

Collocolo 7,5 Torna in campo dopo un periodo di quattro assenze e lo fa nel migliore dei modi, segnando a seguito di una grande galoppata a campo libero. È fondamentale anche in fase di non possesso.

Bortolussi 6,5 oggi gli è mancato solo il gol, che nonostante le svariate conclusioni non è riuscito a trovare. Trova però l’assist di testa per il 2-0 cesenate. Peccato per la propria ripartenza sprecata in superiorità numerica, che poteva valere il 3-0 finale. Comunque la sua è una grande prova. (Dall’89' Tonetto S.V.)

Caturano 6 Scambia bene il pallone col compagno Bortolussi, una volta anche in occasione del secondo gol bianconero. Si sacrifica spesso e volentieri, riesce a redimersi dalla pessima prestazione di mercoledì scorso. (Dal 70' Sorrentino 6 L’ex della gara entra e fa quel che può, cercando di creare pericoli offensivi ai marchigiani. Sufficiente.)

Russini 6 Crea scompiglio sulla fascia di competenza, dove sembra particolarmente ispirato. Torna anche in difesa, dove però viene saltato secco da Botta, che poi metterà un pericolosissimo pallone in mezzo. (Dal 70' Zecca 6,5 Entra in campo dopo un’assenza di sei turni per infortunio e la sua velocità si rivela subito micidiale per gli avversari. Soprattutto per Angiulli, che per fermarlo è costretto a ricorrere alle maniere forti, lasciando i suoi in dieci. La sensazione è che contro l’Imolese potrà dire la sua dal primo minuto.)

mister Viali 7,5 Cambia la formazione rispetto al match contro il Ravenna, dando fiducia dal primo minuto a un Di Gennaro in grande forma. Solo scelte azzeccate quelle del tecnico lombardo, che valgono il 2-0 finale bianconero.

Cesena 7,5 Ottima prova del Cavalluccio, che gioca con qualità e serenità e che chiude la partita nel giro di una trentina di minuti, dando la sensazione di poter fare anche qualche gol di più. Ora il quinto posto è a sole tre lunghezze, e dopo questa prestazione sembra un obiettivo tutt’altro che proibitivo. Parola a (finalmente) domenica prossima.