Tifosi e giocatori vogliono ancora il tandem Zebi-Viali ma un’ingombrante ombra si allunga sul rinnovo

25.05.2021 18:00 di Stefano Severi   vedi letture
Tifosi e giocatori vogliono ancora il tandem Zebi-Viali ma un’ingombrante ombra si allunga sul rinnovo
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Francesco Di Leonforte/TuttoCesena.it

Un plebiscito a favore della riconferma del tandem Viali-Zebi. È il risultato del sondaggio da TuttoCesena, lanciato nei giorni successivi alla cocente eliminazione col Matelica, relativo alla riconferma di allenatore e direttore sportivo.
Con una partecipazione record, oltre 700 voti in poco più che due giorni, oltre l’80% dei tifosi si è espresso per la riconferma del duo. Marginali le altre soluzioni: appena il 13% vorrebbe confermare solo Zebi, poco meno del 5% è a favore della tabula rasa e praticamente nessuno vorrebbe tenere Viali ma non Zebi. Se vogliamo quindi leggere in maniera separata quasi il 94% dei tifosi giudica positivamente l’operato del direttore sportivo.
Tutti d’accordo quindi sul rinnovo? Non proprio. La società sta prendendo tempo, e non da oggi. Si potrebbe dire da diverse settimane, ovvero dai primi discorsi abbozzati sull’eventuale rinnovo. Zebi ha subito accettato di proseguire l’avventura mentre Viali vuole ulteriori garanzie dal punto di vista tecnico per la prossima stagione, quali la riconferma dei suoi “senatori” e un freno all’obbligo dell’utilizzo degli under.
Il compromesso non è poi così difficile da trovare ma occorre chiarezza. E la chiarezza, o meglio l’unità di vedute, È quella che manca al momento tra i soci bianconeri. C’è chi vorrebbe confermare subito Viali accontentandolo in toto, chi vorrebbe trovare un ragionevole compromesso in grado di soddisfare le sacrosante esigenze strategiche e di bilancio (si guardi alla crescita di Ciofi, ad esempio, e al suo valore attuale) e chi vorrebbe un nome diverso. Non nuovo, ma qualcuno che abbia già vinto la serie C a Cesena. Qualcuno disposto a tornare con meno vincoli rispetto ad un anno e mezzo fa. Un nome che anche per questo avrebbe sponsor importanti a livello dirigenziale. 
I fattori da considerare sono comunque molteplici. Lo spogliatoio gradirebbe una riconferma di Viali, con le ovvie e dovute eccezioni. Poi c’è il rebus Di Gennaro che ha dimostrato di essere un lusso per la serie C ma che dal prossimo 1 luglio dovrà ricevere uno stipendio adeguato senza la copertura/buonuscita della Lazio. E proprio per questo è scorretto asserire che per restare Di Gennaro voglia solo garanzie tecniche: tirare un giocatore per la giacchetta, in pubblico, non è mai la mossa migliore.