Benvenuti nella bottega delle risate in bianco e nero

Largo a qualche (più o meno) vecchia pillola di – ehm ehm – saggezza regalata da chi è passato da Cesena. E fra i ‘soliti’ Edmeo e Bisoli spuntano (anche) Agliardi, Ricci, Dalmonte e Rea
13.04.2020 10:30 di Flavio Bertozzi   Vedi letture
© foto di Francesco Di Leonforte/TuttoCesena.it
Benvenuti nella bottega delle risate in bianco e nero

Sì, lo hanno detto veramente. Perché anche (anzi, soprattutto) il mondo del calcio è pieno di strafalcioni. Di gaffe. Di lapsus. Di castronerie. Di frasi strane che stuzzicano la risata. Ed allora largo a qualche (più o meno) vecchia pillola di – ehm ehm – saggezza regalata da chi è passato da Cesena. E pure da chi, a Cesena, c’è ancora. Chiuso in casa. Controllato a vista (anche) dalla fidanzata.


I PROVERBI DI BISOLI
“Il mio Cesena non vuole mica tirare i freni in barca proprio adesso”


IL CHIODO FISSO DI REA
“Devo ammettere che oggi a Bari ce la siamo chiavata egregiamente…”


DOTTOR MARCHIORO
“Oggi un mio difensore ha giocato male perchè era claudicante a un labbro”


LA CERTEZZA DI EDMEO LUGARESI
“Siamo tutti uomini umani”


LA CONFESSIONE DI ARRIGONI
“Non è vero che sono andato alla Terre Alte in pigiama e pantofole”


LA PAURA HOT DI AGLIARDI
“Dovrò stare attento alle donne arbitro: potrebbero fischiarmi troppe volte il fallo"


QUEL QUATTRO A DOUDOU
“Nella vita, oltre al calcio, c’è pure il fosforo. E io certe pagelle non le scordo”


IL CONTE SECONDO VOLTA
“De Feudis, quando si incazza, non è credibile. Colpa della sua vocina…”


NATALE (DOPATO) A CASA DALMONTE
“Quest’anno ho già detto a Babbo Natale di non portarmi nessuna strana pomata…”


TUTTI A SQUOLA CON TABANELLI
“Se sarei un mago, vorrei poter segnare qualche gol in più”


RICCI NON CI STA
“Sulla mia carta d’identità c’è un errore. Hanno scritto libero. Ma io sono terzino”.