Viali, dichiarazione d'amore a tinte bianconere: "Questa squadra è unica"

04.11.2021 19:13 di Stefano Severi   vedi letture
Viali, dichiarazione d'amore a tinte bianconere: "Questa squadra è unica"
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Image Sport

"Non scambierei questo gruppo per nulla al mondo. In serie C c'era una sola squadra che avrei voluto allenare, e questa squadra è il Cesena". William Viali il meglio lo tira fuori in coda ad una inusuale conferenza stampa di metà settimana, libero dai pensieri pre e post partita, in cui può spaziare a 360 gradi. "Che bello rispondere alle vostre domande senza avere l'obbligo di indossare la tuta d'ordinanza", scherza il tecnico bianconero in abiti borghesi e senza un capello fuori posto. 

Il bello però arriva allo scadere, quando la diretta Facebook è già terminata e persino l'addetto stampa Enrico Marinò ha abbandonato la cabina di regia. C'è il rompete le righe quando il tecnico bianconero viene punzecchiato sui torti arbitrali e sul fatto di non lamentarsi mai. Soprattutto dopo il monday match in cui la Reggiana ha avuto la meglio della Lucchese anche grazie ad un rigore molto generoso che ha acceso la polemica soprattutto nella vicina Modena. "Pensate che non l'abbia visto domenica che c'era un rigore grosso come una casa per noi nel primo tempo? - chiede Viali - pensate che non abbia anche dei dubbi sul gol annullato a Bortolussi, con quello là a terra che è stato bravo a fare la sceneggiata? Io vedo tutto, però preferisco non parlarne, perchè non voglio distrarre la squadra. Se lo facessi oggi, e poi domani e poi ancora in futuro, tra un paio di mesi saremmo diventati una squadra mediocre. Non voglio dare nessun alibi ai miei ragazzi, non parlo di torti arbitrali: noi siamo già così un gruppo fortissimo, unito e motivato".

Già nel corso della conferenza il pensiero di Viali sul gruppo era emerso chiaramente: "Siamo soddisfatti del nostro percorso in queste prime dodici giornate, visto che nessuno avrebbe scommesso sul secondo posto dopo aver fatto la squadra un po' all'ultimo, ma non appagati. Domenica a fine partita negli spogliatoi si respirava un clima quasi da sconfitta: questa squadra scende in campo ogni domenica per vincere. Il nostro obiettivo non è andare in b - il peso di essere obbligati ad andare su non può essere sulle nostre spalle - bensì semplicemente quello di cercare di vincere una partita alla volta".

Infine arriva una risposta a chi lo ha accusato, post Pistoiese, di non aver ancora definito una formazione di titolari stabili e di cambiare ogni volta: "Domenica ho cambiato rispetto a quando? Rispetto a Teramo? Ma il turnover vero l'ho fatto a Teramo, quando abbiamo vinto con 4 gol. Questa squadra non ha ancora una formazione titolare perchè è figlia di infortuni ed arrivi tardivi, però i 7-8 che giocano con continuità domenica scorsa erano in campo". Ubi maior...