Le pagelle dell’Imolese | Polidori vale per quattro

Ai rossoblù non basta lo spirito.
23.12.2020 15:05 di Giacomo Giunchi   Vedi letture
© foto di Corriere Romagna
Le pagelle dell’Imolese | Polidori vale per quattro

Siano 6,5 Sui due gol del Cesena può poco o nulla, per il resto si conferma come uno dei migliori dei suoi; effettua continue buone uscite sulle palle alte, e nega il gol due volte, prima a Zecca, poi a Bortolussi. Se l’Imolese chiude in passivo solo di un gol, lo deve in gran parte al suo portiere.

Boccardi 5,5 Buoni anticipi sugli attaccanti, anche se dimostra soffrire un po’ Russini. Troppo passivo sul secondo gol. (Dal 73' Mattiolo 5,5 Viene quasi sempre chiuso dagli avversari, facendo fatica a dare apporto offensivo alla squadra.)

Della Giovanna 5 Non è proprio la sua giornata; perde diversi palloni, non marca Ardizzone sul primo gol, e si lascia sfuggire Capanni in certe occasioni. Per il resto, qualche buon intervento difensivo, che però gli valgono l’ammonizione e la conseguente sostituzione. (Dal 56' Pilati 6 Si dimostra sempre attento quando viene chiamato in causa, e contiene abbastanza bene il bomber Bortolussi.)

Carini 6 Buona partita del capitano dell’Imolese, che si dimostra tranquillo e consapevole, spazzando e mettendo fuori la palla di testa, quando chiamato in causa.

Rondanini 5 Il suo problema numero uno del match ha un nome e un cognome: Simone Russini. Viene sempre messo in difficoltà da quest’ultimo, che lo farà anche ammonire, facendosi saltare e andando spesso in affanno. Per il resto, poco apporto in fase offensiva, limitandosi a qualche palla nel mezzo.

Lombardi 6 Nel primo tempo si dimostra in forma, sfoderando diversi passaggi pericolosi. Il suo tiro, al 14', si trasforma in passaggio per il compagno Polidori, che insacca. Un po’ più in ombra nella ripresa, dove perde qualche pallone di troppo.

Provenzano 6 Fa poche cose, ma buone. É spesso utile a fermare e ad ostacolare la manovra bianconera, con continue chiusure ed anticipi. Nella ripresa prova anche qualche sponda in mezzo per i compagni. (Dal 82' Masala s.v.)

Torrasi 5 Compie diverse importanti intercettazioni di palla, prova anche qualche lancio e pallone in mezzo per i compagni, che però spesso non vanno a buon fine. Erroraccio sullo scadere, in cui regala palla al Cesena, e manda alle ortiche l’ultima azione per tentare il pareggio, mandando la squadra romagnola in contropiede.

Tonetto 5,5 Va spesso in difficoltà nel contenere Capanni, al 19' però sfiora il gol del 2-1 per i suoi. Per il resto della partita prova diversi lanci lunghi e cross per i compagni, che spesso però non vanno a buon fine.

Polidori 7 MVP dell’Imolese; al 14' fa un gol da vero bomber di razza, intercettando e insaccando il tiro sbagliato dal compagno. Per il resto della partita è sempre nel mezzo dell’azione, creando continue sponde per i suoi, intervenendo spesso di testa in fase difensiva, e mettendo diversi palloni in mezzo.

Morachioli 5,5 Macchia indelebile sulla sua partita, il gol divorato al 19' in area, praticamente a porta sguarnita, che sarebbe valso il vantaggio rossoblù. Per il resto del match, si svincola bene tra gli avversari, deficitando però nell’essere conclusivo. (Dal 73' Sall 5,5 Entra bene, sfiorando il gol dopo una manciata di minuti, su tiro-cross di Rondanini, poi però pian piano si spegne.)

Mister Catalano 5,5 La prima partita con l’Imolese per lui è proprio contro la squadra più in forma del girone. Schiera la squadra in campo senza snaturarla, lasciando praticamente tutte le scelte uguali a quelle del precedente tecnico, Cevoli. Effettua i giusti cambi, andando anche a sostituire anche i due difensori ammoniti e meno in forma. Ora, che la sosta possa servirgli per lavorare con più tempo sulla squadra, per cercare una complicata salvezza.

Imolese 5 Squadra che chiude male la pessima annata, dimostrandosi in seria difficoltà e sempre più in fondo alla classifica, con l’ottava sconfitta consecutiva. Partita, comunque, non completamente da buttare, perché si è visto anche qualcosa di buono, ma è senza ombra di dubbio, che per la salvezza serva una svolta.