Le pagelle del Legnago | Brilla Morselli, male l’esperto Perna

05.12.2020 17:35 di Giacomo Giunchi   vedi letture
Le pagelle del Legnago | Brilla Morselli, male l’esperto Perna
© foto di IlSussidiario.net

Pizzignacco 5 Non infonde mai sicurezza alla squadra; dopo neanche venti minuti fa un’uscita a vuoto indecisa, che per poco non costava il gol da parte di Russini ai suoi. Subisce rete al 93' da Capanni, che gli mette la palla nell’angolino, e rende vano il suo intervento.

Zanoli 6 A parte qualche difficoltà su Russini e Favale, disputa una buona partita sia dietro che davanti; sfreccia come un treno sulla fascia destra appena ne ha l’occasione, provando a mettere qualche cross in mezzo per i compagni e dimostrandosi in certi casi una vera spina nel fianco per i bianconeri.

Bondioli 6.5 Si dimostra un po’ in affanno nella partenza, poi però prosegue la sua gara con continui buoni interventi di testa che tengono a bada l’attacco cesenate, risultando spesso decisivo.

Perna 5 Il capitano spesso ricorre alle maniere forti, e spesso riesce a fermare le incursioni bianconere; prova anche qualche lancio in avanti, che però spesso finisce in mano agli avversari. Macchia indelebile sulla sua partita, la palla messa fuori di testa al 93', che finisce sui piedi di Capanni, che realizza il gol che vale il trionfo cesenate.

Ricciardi 6 Il terzino sinistro commette spesso fallo e si dimostra nervoso, soprattutto nel suo duello con Koffi, che spesso lo mette in difficoltà.
Nella seconda parte del match sale di ritmo, realizzando anche un intervento al 90' che tiene i suoi ancora in partita.

Gasperi 5.5 L’ex di giornata nella prima frazione di gioco spreca troppi palloni ed è un po’ irruento, cosa che gli vale l’ammonizione a fine primo tempo.
Meglio nella seconda parte del match, in cui mette in mostra un po’ del suo repertorio, con dribbling e buoni interventi difensivi, ma da lui di sicuro ci si aspetta di più.

Antonelli 5 Partita non molto brillante per il centrocampista biancoazzurro, che, seppur in qualche occasione riesce bene a divincolarsi tra gli avversari e a recuperare qualche pallone, si dimostra troppo passivo, soprattutto nella seconda parte del match, in cui a volte sembra quasi addormentarsi in piedi. (Dal 70' Giacobbe 5.5 non riesce a dare l’apporto offensivo che sperava il mister inserendolo. Partita quasi tutta in ombra per il trequartista)

Bulevardi 6 Nella prima parte di gioco non sembra proprio in partita, poi però si sveglia, sfoderando conclusioni e passaggi insidiosi che spesso mettono in affanno la retroguardia bianconera. Torna anche in difesa per infastidire la manovra avversaria, usando anche le maniere forti, che gli valgono l’ammonizione a pochi minuti dallo scadere.

Morselli 6.5 Uno dei migliori dei suoi; si dimostra sempre insidioso sfuggendo spesso agli avversari con continui dribbling, e sfiora anche il gol alla fine del primo tempo. Dialoga spesso con i compagni, dimostrandosi come il migliore dei suoi là davanti.

Rolfini 5.5 Si mostra subito molto nervoso, tanto da rimediare un’ammonizione, forse anche a causa della marcatura stretta di Maddaloni. In attacco però non molla, pressando i difensori e mettendo qualche palla in mezzo. Più alto il suo contributo nella fase difensiva, in cui spesso arretra per prendere palla. Esce nella ripresa per infortunio. (Dal 55' Grandolfo 5 Abbastanza impreciso, viene tenuto bene dalla difesa bianconera, che non gli concede quasi mai spazio, unica nota positiva è qualche recupero di palla, che però spesso getta alle ortiche)

Luppi 5.5 Attivo là davanti, pressa, guadagna angoli, e dialoga con i compagni. Però non riesce quasi mai ad andare alla conclusione che potrebbe infastidire Nardi. (Dall’80' Ranelli s.v.)

Mister Bagatti 5 I cambi effettuati non riescono a dare una svolta alla partita, e anzi, peggiorano il rendimento generale della squadra, che comunque riesce a tenere il pareggio fino al 93'.

Legnago 5 Veronesi che subiscono la seconda sconfitta nelle ultime tre partite, e che non trovano la vittoria dal lontano 11 ottobre. Squadra che se vuole tornare sui binari positivi di inizio campionato, deve cambiare mentalità.