Viali guarda già ai play-off: "La vicenda Samb va a falsare il campionato"

30.04.2021 18:17 di Giacomo Giunchi   Vedi letture
Viali guarda già ai play-off: "La vicenda Samb va a falsare il campionato"
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Francesco Di Leonforte/TuttoCesena.it

Dalla prima partita in trasferta a Verona all’ultima di questa domenica in casa contro l’Arezzo sono passati ben 7 mesi. Sette mesi che paiono più essere volati, anche a causa dell’inaccessibilità allo stadio da parte dei tifosi. William Viali, nella conferenza stampa di oggi in vista della sfida conclusiva della regular season, analizza seduta stante gli avversari, affermando: “Il campionato si chiude probabilmente con una delle partite più complicate della giornata, perché incontriamo una squadra con grandi individualità e che si gioca tutto: o i playout o la retrocessione diretta. Per essere l’ultima di campionato, rispetto al nostro obiettivo che abbiamo raggiunto già da tre partite, ci tocca una partita molto tesa sotto l’aspetto nervoso: ciò ci aiuterà a rimanere in pista per i playoff. Nelle ultime settimane loro hanno fatto buone prestazioni; mi aspetto una partita con molte sfaccettature diverse, inoltre lo vedo già come un match da playoff nella lettura. Sarà quasi una sfida secca. Dovremo essere bravi a cambiare atteggiamento durante la partita, che sarà comunque importante anche per la nostra classifica e dovremo dare il massimo, perché se dovessimo passare il primo turno, tra l’arrivare settimi o ottavi potrebbe cambiarci qualcosa”.

uccessivamente, l’allenatore del cavalluccio torna sugli aspetti negativi della grande prestazione di domenica scorsa in casa del Südtirol, analizzando anche il deludente rendimento casalingo delle ultime uscite: “Se si riguarda la partita contro il Südtirol si nota che non ci sono stati dei clamorosi errori dei singoli sottoporta: sono sempre o meriti del portiere avversario, o poca precisione dei nostri, ma parliamo di centimetri. Faccio fatica ad additare qualche mio giocatore, ma è oggettivo che dobbiamo migliorare sotto il punto di vista realizzativo. Una sola vittoria al Manuzzi nelle ultime sette partite in casa? Dietro questi numeri ci sono tante riflessioni da fare. Nel girone d’andata noi abbiamo sempre vinto contro squadre sotto di noi in classifica. Sicuramente le squadre piccole nel girone di ritorno ci hanno affrontato come se fossimo una grande squadra, quindi ci hanno reso le partite più complicate. Inoltre, molte le abbiamo affrontate in una condizione numerica e di condizione non ottimale”.

In seguito, Viali non manca dal fare la classica “lista della spesa” riguardante i giocatori che saranno o meno del match: “I diffidati (Ricci, Capellini, Russini e Caturano, ndr) probabilmente li lascerò a riposo; non posso rischiare di andare a condizionare la prima partita dei playoff, anche perché i diffidati coprono zone di campo nelle quali ho i giocatori contati. Non sarà tra i convocati, oltre ai soliti noti, Leonardo Longo, a causa di problemi per battito ectopico sporadico accusato in settimana: il giocatore però è asintomatico e sta bene. Se giocherà Benedettini? Se fosse stata una partita più semplice sotto l’aspetto nervoso avrei potuto far scendere in campo chi non ha mai giocato, ma qui c’è da tutelare un campionato, e dobbiamo cercare di fare il massimo per una partita importante”.

Proseguendo, il mister bianconero tratta anche l’argomento dell’obiettivo stagionale del Cesena, che man mano durante l’annata si è andato più volte a modificare: “Nel nostro periodo migliore della stagione è chiaro che la mira più ambiziosa era quella di rincorrere il Modena per il quarto posto. Poi però siamo stati bravi a darci sempre obiettivi step by step, cercando di migliorare di settimana in settimana. La cosa che mi ha dato più noia, è che comunque strutturalmente e tecnicamente la squadra abbia fatto molto meglio nel girone di ritorno rispetto a quello di andata, eppure abbiamo totalizzato molti meno punti. Sono molto contento per la crescita del gruppo, però allo stesso tempo potevamo fare di più sotto l’aspetto del punteggio; all’andata eravamo molto più cinici”.

Infine, il mister affronta l’argomento playoff con una breve parentesi sulla situazione Sambenedettese, oltre a dire la propria sulla futura vincitrice del girone: “È difficile dirvi quale squadra vorrei incontrare ai playoff, perché sono tutte squadre che hanno fatto un’ottima stagione. Noi in ogni caso cercheremo di prepararci al meglio. A mio parere siamo una squadra da partita secca, e sono convinto che possiamo vincere contro chiunque, come abbiamo più volte dimostrato durante la stagione. La Sambenedettese ai playoff? Questo è un controsenso della nostra categoria. Per raggiungere certi obiettivi si fanno sacrifici enormi. Loro invece sono una squadra molto qualitativa che però è stata costruita senza pagare per quello che si è creato: è una vicenda che va a falsare il campionato. Chi vincerà il girone? È dura… È chiaro che se il Perugia vince la propria partita è in Serie B. Ma il Perugia e il Padova Sono due squadre che hanno dimostrato di essere forti allo stesso modo, e domenica avranno di fronte due partite per nulla semplici. Può succedere di tutto. Se questo è il girone più difficile? Io questo lo pensavo già ad inizio campionato, e sono convinto che il percorso lo abbia confermato. Ci sono tantissime squadre dall’altissimo livello”.