Como - Cesena 2-0| Errori, infortuni e stanchezza: Cesena non mollare!

13.04.2021 21:08 di Giorgia Foschi   Vedi letture
Fonte: in collaborazione con Zena Foschini
© foto di Andrea Vegliò
Como - Cesena 2-0| Errori, infortuni e stanchezza: Cesena non mollare!

Serie B femminile 
21° giornata

COMO          2 (45+2’, 53’ Di Luzio)
CESENA      0

Como: Russo, Varriale, Cascarano, Fusarpoli, Abati (78’ Vivirito), Di Luzio, Segalini, Ferrario, Rognoni (84’ Cama), Rizzon, Franco.
A disp: Bettineschi, Bianchi, Cavicchia, Pellegrinelli, Fadini, Roventi, Gomez Olivares.
All: Calcaterra

Cesena: Pignagnoli, Casadei, Cuciniello, Pavana, Carlini (46’ Beleffi), Pastore, Del Francia (46’ Simei), Montes De Oca (78’ Bizzocchi), Porcarelli, Petralia (84’ Zani), Papaleo.
A disp: Siboni, Gallina, Paolini.
All: Rossi

Arbitro: Bortolussi (sez. Nichelino) 
Assistenti: Umbrella e Russo (sez. Nichelino) 


La sfida è stata particolarmente sentita da ambedue le parti, dato che la vincente avrebbe potuto rimanere nei paraggi del secondo posto, attualmente presieduto dalla Lazio con 38 punti. 
Il Cesena arriva a questa partita privo di due protagoniste del campionato bianconero: la centrocampista Georgiou e l'attaccante Costi. Entrambe hanno avuto problemi fisici nelle ultime settimane e la sfortuna ha voluto che proprio il venerdì prima della partita abbiano subito una ricaduta, che ha costretto mister Rossi a fare a meno di loro. 

 

Primo Tempo
Nessuna delle due squadre vuole far brutta figura, attaccando fin dai minuti iniziali. Al 1' Rognoni calcia in porta ma Pignagnoli respinge, la ribattuta arriva sui piedi di Cascarano che però manda il pallone sopra la traversa; al 5' bella azione del Cesena con Porcarelli e Cuciniello: la numero 22 dopo aver ricevuto palla da Porcarelli arriva sul fondo resiste alla marcatura di Varriale, la supera e fa partire un bel traversone  per Porcarelli, che controlla e calcia di sinistro ma la sfera finisce fuori. Tre minuti più tardi occasionissima per il Como: Ferrario, lasciata libera in area, cerca di sorprendere Pignagnoli ma fortunatamente il tiro colpisce l'incrocio dei pali.
I minuti passano, i ritmi restano alti e si gioca a tuttocampo: al 12' Rognoni dal lato destro dell'area resiste alla marcatura di Pavana e prova il tiro sul secondo palo che finisce fuori di un metro; al 19' la bianconera Montes De Oca lancia un bel pallone per Papaleo, la 29 prova a colpire al volo ma il tiro risulta troppo debole e il portiere para senza difficoltà. Intorno alla mezz'ora ci riprova il Cesena: Montes De Oca serve Porcarelli, l'attaccante prova a sorprendere il portiere con un tiro dalla distanza ma è brava Russo a deviare in angolo. 
Negli ultimi 10 minuti la squadra comasca costruisce di più, crea diverse occasioni e nel secondo minuto di recupero arriva il gol: Ferrario, dopo una rimessa laterale, conquista palla sulla trequarti e prova un lob in area. Il pallonetto spiazza completamente la difesa che non legge bene i movimenti delle avversarie: ne approfitta Di Luzio che taglia l'area da destra a sinistra, intercetta il pallone lanciato dalla compagna e batte Pignagnoli.

Secondo Tempo
La prima occasione del secondo tempo è di marca bianconera: al 50' cross dal fondo di Papaleo, il portiere non trattiene, prova ad approfittarne Beleffi ma il difensore Varriale è lesta a deviare in angolo. Passano quattro minuti e il Como trova il secondo gol: Pavana devia male un pallone, ne approfitta ancora Di Luzio che arriva a tu per tu con Pignagnoli e segna.
Il 2-0 taglia le gambe alla squadra bianconera che tenta di costruire qualche azione pericolosa ma il gol non vuole proprio arrivare: al 56' Porcarelli fa metà campo palla al piede, serve sulla fascia destra Papaleo che la mette al centro, il portiere si distende e devia dalla parte opposta dove arriva in corsa Casadei che calcia a botta sicura - fondamentale il salvataggio di Abati che non consente alla sfera di entrare in porta. Al 67' altra possibile occasione per il cavalluccio: filtrante di Casadei per Petralia al centro dell'area, la capitana bianconera non impatta bene e il pallone finisce fuori.
Il Como gestisce bene e in tranquillità gli ultimi venti minuti di partita, complice un Cesena molto stanco e poco lucido.


La difesa è sempre stata il punto forte di questo gruppo, garantendo solide fondamenta su cui basare il gioco e favorendo la sicurezza nel dialogo tra il centrocampo e l’attacco. Nella partita di domenica però certi meccanismi non hanno funzionato: i reparti erano distanti tra loro, non c'è stato il giusto pressing e le giocatrici avversarie ne hanno approfittato. Gli infortuni non devono essere una scusa ma è innegabile che la panchina corta e gli innesti molto giovani possano portare alla mancanza di fluidità nel gioco: è tutta esperienza sia per chi scende in campo sia per l’allenatore. 
Perdere non è mai bello, soprattutto quando la classifica non lascia spazio ad errori, ma non bisogna demoralizzarsi: ci sono ancora 15 punti in palio e la squadra merita di stare nella parte alta della classifica.
Appuntamento a domenica prossima: Cesena - Brescia ore 15:00.