Viali raggiante: “Un’emozione troppo forte, questa è una squadra vera!”

Zecca e Steffè si uniscono al mister nell’elargire grandi complimenti a tutto il gruppo squadra.
19.12.2020 23:05 di Giacomo Giunchi   Vedi letture
© foto di Cesena FC
Viali raggiante: “Un’emozione troppo forte, questa è una squadra vera!”

“Cerco di contenermi nelle esultanze, ma stavolta è stata un’emozione troppo forte, che ho scaricato in questo modo”. Esordisce così William Viali, nella conferenza post partita di Cesena-Sambenedettese 2-1.
Il mister però ci tiene a sottolineare che nonostante fosse stato un match per lo più sofferto dai suoi, l’azione del gol è stata tutt’altro che fortuita. “Ci abbiamo lavorato tutta la settimana, è stata un’azione lavorata e da vera squadra, che non molla”, ha ribadito il tecnico.
Viali afferma anche che la squadra ha fatto uno dei primi tempi migliori della stagione, sovrastando la formazione marchigiana che ha dimostrato essere una squadra fisica, tecnica ed esperta. Allo stesso tempo la partita era da chiudere nel primo tempo, magari con quella chance da parte di Russini. “Martellerò i ragazzi per quella mezz’ora che non mi è piaciuta, però oggi la squadra ha fatto qualcosa di importante, soprattutto contro questa formazione molto ostica”.
William usa la carota e il bastone, come ci ha ormai abituati, infatti si sofferma sul calo di rendimento dei suoi alla ripresa: “Se smettiamo di fare le cose da squadra, diventiamo una squadra normale; si stanno accorgendo di noi solo nell’ultimo mese, questi risultati sono figli di un lavoro che deve continuare nel tempo”.
Poi i dovuti meriti a Ricci e Longo, che dopo la lunga assenza, sono stati chiamati a sostituire gli indisponibili Gonnelli e Ciofi: “Sono stati fuori tanto e hanno fatto una prestazione encomiabile. Era molto difficile, ma loro sono stati spettacolari. Tanto merito a loro, in questa squadra la risposta di chi subentra o di chi gioca più di rado è sempre positiva”.

Poi la parola passa a Giacomo Zecca, l’esterno autore del gol vittoria che vale tre preziosissimi punti per i suoi, che sull’azione della rete ribadisce: “Quando ho visto la palla giungere a Favale sapevo che mi sarebbe arrivata, quindi ho attaccato forte sul secondo palo come ci dice il mister, dopodiché non rimaneva che buttarla dentro. Dopo il gol non ricordo nulla, è stato un misto di emozioni intense”.
Alla domanda se questo gol fosse un segnale importante lanciato al mister, Zecca risponde: “Sto sempre lanciando segnali al mister, anche quando entro a gara in corso. Continuerò ad allenarmi e a lanciare segnali. Davanti siamo tutti sullo stesso piano, c’è una bella convivenza”.

Infine è il turno di Demetrio Steffè, colui che ha sbloccato il risultato: “L’emozione c’è sempre, più che personale per la squadra; ci crediamo, ci lavoriamo in settimana, si vede che non molliamo. Sono contento per me e per i miei compagni”.
Inoltre, quando gli viene fatto notare che ora il Cesena si trova in terza posizione, afferma che sebbene non sia una squadra costruita per vincere il campionato il gruppo ci crede nel fare qualcosa di importante. Resta fondamentale, nonostante la buona classifica attuale, buttare sempre un occhio dietro.
Il centrocampista conclude: “Dobbiamo lavorare di più sul palleggio, che oggi è venuto meno; ci hanno messo in difficoltà, ma abbiamo sofferto da grande squadra, siamo stati bravi”.