Silenzio, parla Viali: “Derby ‘atipico’ ma per noi non cambia nulla”

Il mister ha inoltre ricordato il proprio passato da calciatore tra le fila dei giallorossi.
14.11.2020 14:50 di Filippo Maestri   Vedi letture
© foto di Francesco Di Leonforte/TuttoCesena.it
Silenzio, parla Viali: “Derby ‘atipico’ ma per noi non cambia nulla”

Dopo il viaggio vincente a Pesaro, arriva domani (ore 17:30) al Manuzzi una delle partite cerchiate in rosso al momento dell’uscita dei calendari: il sentito derby romagnolo con il Ravenna.

Buongiorno Mister Viali, in settimana è arrivata la vittoria a Pesaro e domani arriva il Ravenna…
“Purtroppo quello di domani sarà un derby ‘atipico’ per la mancanza del tifo e dell’atmosfera che precedono una sfida sentita da entrambe le parti, ma per noi non cambia nulla perché la gara avrà comunque la sua importanza. Siamo stati tutti soddisfatti per la vittoria ottenuta mercoledì, ma si torna già in campo, non vogliamo distrarci pensando ad altro se non alla gara di domani. Un risultato positivo sarebbe sicuramente importante perché oltre che a prolungare la nostra miniserie di risultati utili consecutivi (nel caso sarebbe il terzo, ndr), darebbe a noi, che siamo alla ricerca di continuità, una ulteriore iniezione di fiducia”.

Come successo al Cesena prima della gara di Carpi, ora è il Ravenna a ritrovarsi alcuni componenti della squadra positivi dopo l’ultimo giro di tamponi, c’è secondo lei il rischio di non giocare domani?
“Dispiace che il Ravenna si trovi in questa situazione, l’abbiamo provata sulla nostra pelle diverse volte e non è semplice da gestire; detto questo come noi siamo sempre scesi regolarmente in campo, credo sarà così anche domani”.

‘Forti in trasferta, deboli in casa’: domani sarebbe l’occasione migliore per invertire questo trend.
“Come già avevo detto in passato quest’anno ha poco senso parlare di fattore campo, per cui non do troppa importanza a questi numeri. Se vogliamo, allora è giusto ricordare che al Manuzzi abbiamo incontrato varie squadre d’alta classifica, per cui è normale che abbiamo trovato diverse difficoltà”

Domani sarà anche la sfida fra bomber, Bortolussi da una parte e Mokulu dall’altra. Oltre al suo numero 9 dove può essere pericoloso il Ravenna?
“Mokulu è sicuramente il giocatore a cui dobbiamo prestare più attenzione, perché ha iniziato questa stagione alla grande e sta facendo la differenza con gol e assist per i compagni; dovremo essere anche molti attenti a non regalare ripartenze agli avversari, vogliamo continuare su quanto di buono fatto vedere a Pesaro, dove non abbiamo concesso nulla”.

Quest’anno è la stagione dei turni infrasettimanali, terza partita in una settimana, come ci si prepara?
“È una circostanza che abbiamo già affrontato diverse volte per cui non è nuova per nessuno, dovrò fare col mio staff alcune considerazioni su chi schierare ma ho già le idee abbastanza chiare.
Oggi nella rifinitura valuterò Petermann, uscito acciaccato dalle scorse partite, mentre già ora posso confermare che Collocolo domani non andrà neppure in panchina visto che in settimana non è mai riuscito ad allenarsi con i compagni”
.

Per concludere due parole sulla tua ex squadra, avendo giocato fra le fila dei bizantini nella stagione 94/95?
“Ravenna per me è stato un trampolino di lancio importante, è stata la prima piazza importante in cui ho giocato e di quegli anni porterò sempre il ricordo di un gruppo giovane ma importante”.