Buona Pasqua, bianconeri!

Rivivi le grandi emozioni del Cavalluccio in esclusiva su TuttoCesena.it
12.04.2020 10:00 di Redazione TUTTOCesena   Vedi letture
Buona Pasqua, bianconeri!

Gentili lettori di TuttoCesena.it, la nostra redazione ci tiene a porvi i più sentiti auguri di una serena Pasqua.
Inutile girarci attorno, quest’anno c’è ben poco da festeggiare visto lo stato emergenziale in cui l’intero Paese verte da settimane. Per giunta, questa assenza forzata dal nostro caro Cavalluccio non fa altro che rendere questa attesa di tempi migliori ancora più snervante.

Pazientando fiduciosi in un prossimo miglioramento dello stato generale delle cose, proviamo ad allietarvi questa giornata con un nuovo episodio della nostra ‘disco-rubrica’. Nella puntata precedente vi abbiamo fatto ascoltare le parole di Luciano Manuzzi, vice-presidente del Cesena nella storica annata 1972-1973 culminata con la prima storica promozione in Serie A del Cesena. Oggi invece vi offriamo alcuni frammenti delle radiocronache di quella storica cavalcata.

Il primo gol narrato è la rete di Giovanni Carnevali che il 17 settembre 1972, alla prima giornata di campionato, permise di espugnare lo stadio Mario Rigamonti di Brescia (0-1 il risultato finale).
La seconda rete è invece il sigillo del 2 a 0 del bolognese Mauro Pasqualini sull’Ascoli, nella sfida interna valevole per la quarta giornata (08/10/1972). I ragazzi di mister Radice erano passati in vantaggio grazie all’autorete del portiere dei marchigiani, Armando Buffon (omonimo di cognome e precursore di ruolo del ben più noto Gianluigi).
La terza rete si riferisce al definitivo 1-2 sul campo della Reggiana (settima giornata, 29/10/1972) ed è messa a segno dal centravanti Ariedo Braida che batte il portiere degli emiliani, Lamberto Boranga. Proprio Boranga dall’anno successivo si legherà ai colori bianconeri per ben quattro stagioni.
Potete ascoltare il tutto sul nostro canale Telegram, a questo link.


Prodotto da Giorgio Cajati, realizzato da Giorgio Contarini. Studio di registrazione Fonostereorama Equipe Dischi, Milano.
Gentilmente offerto dall’archivio privato della famiglia Rosati.