Un colosso senza under per raggiungere subito la B

28.09.2021 07:00 di Redazione TUTTOCesena   vedi letture
Un colosso senza under per raggiungere subito la B
© foto di Modena F.C.

Sesto turno di campionato (primo infrasettimanale) che vede il Cesena di fronte al Modena, squadra appartenente dei gruppo dei “Big4” (Pescara, Virtus Entella e Reggiana le altre tre) del girone. In estate c’è stato il passaggio (molto veloce a dire la verità) di proprietà. A prendere le redini dei canarini da Romano Sghedoni (Kerakoll) è stato l’imprenditore nativo di Ravarino (MO) Carlo Rivetti, CEO di Sportswear Company appartenente al Gruppo Stone Island, noto brand di abbigliamento tessile-moda che ha messo a capo della società in qualità di presidente il figlio Matteo. Nel dicembre del 2020 Stone Island viene acquistata da Moncler (società di moda francese dal 2003 di proprietà dell’imprenditore comasco Remo Ruffini che opera guarda caso a Ravarino e fattura 1,4 miliari con un utile netto di 300 milioni…) per 1,15 MILIARDI (non è un errore di battitura) di euro. Quindi la famiglia Rivetti qualche spicciolo da “buttare” ce l’ha diciamo.

La scorsa stagione il Modena è finito quarto nel girone B, accedendo direttamente ai playoff nazionali dopo la stagione regolare grazie alla speciale regola covid della migliore quarta piazzata dei tre gironi. La squadra di Mignani (ora passato al Bari di Di Gennaro, Botta ed Antenucci) ha ottenuto 70 punti grazie a 21 vittorie, solo 7 pareggi e 10 sconfitte.
Rivetti ha preso il Modena per riportarlo dove merita (dove merita?) grazie ad un progetto triennale (così tanto? Non ci crediamo). Per questo si è affidato al DS Vaira e ha preso forse l’allenatore TOP per la categoria: quell’Attilio Tesser che in carriera è riuscito per ben tre volte (e soprattutto al primo anno!) a portare Novara (poi c’è stato il doppio salto C-A l’anno successivo come ha fatto il Cesena di Bisoli 2008-2010), Cremonese e Pordenone dalla C alla B. Quindi nella città dei motori si aspettano la promozione senza se e senza ma. Però sono partiti male per gli obiettivi prefissati (è vero è ancora presto): prime tre giornate primi tre pareggi (con Grosseto, Reggiana e Teramo) poi vittoria roboante a Fermo fuori casa 4 a 0 e sconfitta interna con la Virtus Entella (1-2).

Della rosa dell’anno scorso sono rimasti appena sette giocatori: i portieri Gagno e Narciso, i difensori Pergreffi e l’ex Ingegneri, i centrocampisti Gerli e Rabiu e l’attaccante Monachello. Sono arrivati tanti big per la categoria a titolo definitivo come Silvestri (dal Catania), l’ex Renzetti (Chievo Verona), Matteo Ciofani (Bari), Scarsella (Feralpisalò, centrocampista con ben 14 reti segnate l’anno passato), Armellino (Monza), Tremolada (Pordenone), Minesso (Pisa), Ogunseye (Cittadella) e Marotta (Juve Stabia) e giovani (sempre a titolo definitivo) come Ponsi (Fiorentina), Baroni (Frosinone), Maggioni (Arezzo), Bonfanti (Inter) e il tanto cercato talento Romeo Giovannini (Carpi). In prestito sono arrivati solo tre elementi: Castiglia dalla Salernitana, Duca dalla Pergolettese e Mosti dal Monza. Da notare come Rivetti abbia sborsato soldi solo per 3 giocatori (Tremolada 350k, Ogunseye 300 e Ponsi 50k), gli altri sono arrivati tutti a parametro zero come da prassi per il mercato di terza serie.
Tanti nomi niente male per la Serie C ma la domanda è sempre una: riusciranno a fare gruppo? Se la risposta sarà affermativa (dire positiva di questi tempi anche no…) abbiamo già la vincitrice del campionato a maggio, altrimenti saranno dolori.
 

Obiettivo: 1 posto (leggi anche: Serie B diretta)

Rendimento: 1 V – 3 N – 1 P (13 posto, 6 punti)

Ultime sfide:
Serie C 2020-2021
13 giornata / Cesena-Modena 0-0
32 giornata / Modena-Cesena 1-0 (91' Corradi)

Formazione tipo (4-3-1-2)*: Gagno; Ciofani, Silvestri, Ingegneri, Renzetti; Scarsella, Gerli, Armellino; Tremolada; Marotta, Ogunseye
in MAIUSCOLO gli Under (si avete letto bene, non ci sono under nella formazione “tipo”)