I coglioni di Giampaolo. Gli attributi di Bisoli

Ecco a voi la seconda puntata della rubrica Aforismi in Bianco e Nero. E tra il Profeta di Giulianova e il Sergente di Porretta spuntano (anche) Nardi e la moglie di Jimenez
19.11.2020 10:15 di Flavio Bertozzi   Vedi letture
© foto di Marco Rossi/TuttoCesena.it
I coglioni di Giampaolo. Gli attributi di Bisoli

Vecchi aforismi rubati al mondo della pedata. Con relativi riadattamenti in salsa cesenate. Ecco a voi la seconda puntata di Aforismi in Bianco e Nero, la nuova rubrica (al sapore di amarcord, ma non soltanto…) di TuttoCesena.


ABBONDANZA
“Io in questa squadra ho a disposizione doppioni, triploni e quadripliconi nello stesso ruolo”
(Franco Scoglio)
“Marco Giampaolo, a Cesena, a disposizione aveva doppioni, triploni e coglioni nello stesso ruolo”
(Flavio Bertozzi)


CAMPO INFAME
“Non ho toccato io quella palla, è stata la mano di Dio”
(Diego Armando Maradona)
“Nardi a Carpi non ha beccato gol da Giovannini, ma direttamente dal giardiniere del Cabassi”
(Flavio Bertozzi)


CONCRETEZZA
“Cruijff era più bravo, ma il campione del mondo sono stato io”
(Franz Beckenbauer)
“Radice e Bagnoli erano più bravi, ma Bisoli a Cesena è salito in serie A al primo tentativo”
(Flavio Bertozzi)


DOPO IL RAVENNA
“Meglio perdere una partita 6-0 che sei partite 1-0”
(Vujadin Boskov)
“Meglio vincere quattro partite 1-0 che un derby 4-0”
(Flavio Bertozzi)


C’ERA UNA VOLTA
“Il calcio è felicità, gioia di vivere. Il calcio è riso con i fagioli”
(Toninho Cerezo)
“Il Cesena nell’era pre-Virus era felicità, gioia di vivere. Il Cesena era piadina con la salsiccia”
(Flavio Bertozzi)


PUNTI DI VISTA
“Tra una bella donna e una partita di calcio io non ho dubbi: scelgo la seconda”
(Luigi Cagni)
“Tra le giocate di Jimenez e le tette di sua moglie io ho sempre scelto le seconde”
(Flavio Bertozzi)