Arezzo pronto a dare battaglia per un posto ai play-off

I toscani sono riusciti immediatamente a calarsi nella realtà della Serie C dopo una promozione ottenuta senza troppi patemi. Se trovassero continuità…
13.02.2024 07:00 di Simone Donati   vedi letture
Arezzo pronto a dare battaglia per un posto ai play-off
© foto di Quotidiano Sportivo

Il ‘Cavallo Rampante’ sta rispettando le aspettative di inizio stagione, dopo aver ottenuto una promozione in Serie C dopo un biennio lottato tra i dilettanti. In estate la rosa allenata da Paolo Indiani era stata rimpolpata di nomi importanti, ed era chiaro che l’obiettivo degli amaranto non era (e non è) una ‘semplice’ salvezza, ma arrivare in una posizione che gli consenta di partecipare ai play-off. L’Arezzo è attualmente al nono posto con 31 punti (8 vittorie, 7 pareggi e 10 sconfitte), ma il rapporto gol fatti e subìti è negativo: a referto ci sono, infatti, 29 reti segnate e 34 incassate. La più grande mancanza dei toscani è la continuità: solo una volta in campionato è successo che abbiano ottenuto quattro risultati utili consecutivi (3 vittorie ed 1 pareggio contro Perugia, Sestri Levante, Rimini e Carrarese) e, nelle ultime quattro gare, gli aretini non hanno mai vinto (2 pareggi e 2 sconfitte). Il loro rendimento è praticamente identico tra le partite giocate in casa e quelle in trasferta: 16 punti ottenuti tra le mura amiche (4 vittorie, 4 pareggi e 4 sconfitte) e 15 punti in trasferta (4 vittorie, 3 pareggi e 6 sconfitte).


Città: Arezzo
Distanza da Cesena: 127 km
Fondazione: 1923
Colori sociali: amaranto
Stadio: Comunale - Città di Arezzo (13128 spettatori)
In Serie C dal: 2023
Presidente: Guglielmo Manzo
Direttore tecnico: Paolo Giovannini
Allenatore: Paolo Indiani
Capitano: Andrea Settembrini
Miglior marcatore: Niccolò Gucci (8)
Miglior assist man: Filippo Gucci, Emiliano Pattarello (6)


Gli avversari
La rosa dell’Arezzo è composta da 26 elementi, la cui età media è di 25,4 anni. In estate, il direttore tecnico Paolo Giovannini aveva nei programmi di far proteggere i pali da Daniele Borra (7 presenze, 11 gol incassati ed 1 clean sheet), che aveva indossato per cinque stagioni la maglia della Virtus Entella, ma mister Indiani gli ha preferito Luca Trombini (19 presenze, 23 gol incassati e 4 clean sheet), classe 2001 cresciuto nel vivaio del Torino. Il terzo portiere, invece è il diciottenne Jacopo Ermini, nato proprio ad Arezzo e senza presenze in stagione.
Il leader difensivo è senza dubbio, sebbene non sia sceso in campo nell’ultimo match contro il Pontedera, Marco Chiosa (20 presenze), arrivato così come Borra dalla Virtus Entella e con un passato in Serie B con le maglie di Bari, Avellino e Novara. Il suo omologo che completa la coppia dei centrali difensivi è Giacomo Risaliti (18 presenze, 1 gol). Hanno trovato ampio spazio anche Lorenzo Masetti (16 presenze, 2 ammonizioni), arrivato a titolo definitivo dal Pisa, e l’ormai trentenne Lorenzo Polvani (8 presenze, 1 ammonizione) che vanta trascorsi anche qui in Romagna nel Ravenna. Il terzino destro titolare è Mirko Lazzarini (13 presenze, 3 ammonizioni), mentre la sua riserva è Francesco Donati (4 presenze, 1 assist), arrivato in prestito dall’Empoli a metà gennaio e che sta progressivamente scalando le gerarchie. Sulla fascia sinistra agiscono invece Alberto Montini (17 presenze, 1 gol e 1 assist), cresciuto nel San Donato Tavarnelle, e Lorenzo Coccia (13 presenze, 1 assist), giunto in prestito dal Modena ma che ha già terminato anzitempo la stagione per aver riportato una frattura all’avambraccio.
In mediana si alternano due classe 2003: Sebastiano Bianchi (18 presenze) e Mattia Damiani (16 presenze), il quale è cresciuto nelle giovanili dell’Udinese. Il capitano degli amaranto, con un passato in Serie B con il Cittadella, è la mezzala Andrea Settembrini (22 presenze, 3 assist), fra l’altro espulso nel match d’andata. Settembrini spesso però arretra a livello dell’altro mediano, così da schierarsi con un atteggiamento tattico più offensivo, che più aderisce anche allo stile di gioco di Eklu Shaka Mawuli (22 presenze, 2 gol e 8 ammonizioni), nato a Sunyani in Ghana 1998 e arrivato in prestito dal Südtirol, e dell’acquisto invernale Giovanni Catanese (4 presenze), che ha segnato ben 6 gol con la maglia del Pontedera. Il reparto di centrocampo è completato dal promettente Alessandro Renzi (12 presenze, in prestito dall’Empoli), Fabio Foglia (21 presenze ed 1 espulsione) e dall’ex di giornata Luca Castiglia (12 presenze) che per sei mesi ha vestito la maglia del Cavalluccio nella stagione 2009-2010.
Le ali amaranto titolari sono l’esperto Filippo Guccione (22 presenze, 6 gol e 3 assist), messo sotto contratto in estate dopo ben quattro stagioni al Mantova, ed Emiliano Pattarello (22 presenze, 6 gol e 6 assist ed 1 espulsione), nato a Dolo e cresciuto nelle giovanili del Bologna. L’alternativa ai due esterni amaranto è Mattia Gaddini (20 presenze, 2 gol e 1 assist). Il bomber dei toscani è la punta trentatreenne Niccolò Gucci (20 presenze, 8 gol e 1 assist), che l’anno scorso ha affrontato i bianconeri con la maglia della Vis Pesaro. Il mercato di riparazione ha portato in dote ad Indiani Joseph Ekuban (1 presenza), fratello del più famoso Kaleb che gioca in Serie A con la maglia del Genoa e che nella prima metà di campionato ha segnato un gol con il Monterosi nel Girone C, il quale si aggiunge alla riserva argentina Juan Facundo Crisafi (6 presenze) che ha mosso i ‘primi passi’ nel Club Atletico Banfield II ed arrivato in estate dall’allora Reggina. A chiudere il parco giocatori c’è Cristiano Sebastiani, che ha firmato il mese scorso dopo esssersi svincolato dal Trastevere Calcio.

L’allenatore
Come un maestro d’orchestra che dirige i suoi strumentisti, Paolo Indiani alla guida dell’Arezzo ha condotto la sua squadra dal torbido scenario della Serie D alle luci scintillanti della Serie C. Un trionfo che adorna la sua personale bacheca: è infatti per lui la decima vittoria nei campionati. Con un contratto che si protende fino all’anno 2025, Indiani può gestire con serenità le vicissitudini del Cavallo Rampante, plasmandolo secondo i dettami del suo ben collaudato 4-3-3.
Indiani ha iniziato la propria epopea calcistica tra le stradine di Certaldo e San Gimignano, per poi dipanarsi attraverso gli scenari fiorentini della Rondinella. Il suo viaggio itinerante tra le piazze toscane non si è esaurito qui; tante sono state le tappe: Poggibonsi, Massa, San Donato Tavarnelle e Pontedera, Indiani ha scritto capitoli indelebili nella storia del calcio locale toscano, abbracciando con fierezza anche club blasonati come Pisa e Lucchese. Tuttavia le sue esperienze non si limitano alle rive del fiume Arno, si è infatti cimentato anche oltre i confini della sua Toscana, a Perugia e persino a Crotone.

Risultato Gara Andata
Arezzo-Cesena 0-2 (16' st Bumbu, 37' st Ciofi)

Formazione Tipo (4-3-3)
TROMBINI; Lazzarini (DONATI), Risaliti (MASETTI), Chiosa, MONTINI; Settembrini, BIANCHI, Mawuli; Guccione, Gucci, Pattarello
*in MAIUSCOLO gli under