Viali in vista della Feralpi: “Limitiamo gli errori sotto porta e le disattenzioni in difesa”

Il tecnico appare molto fiducioso dopo l’ottimo exploit di Perugia: “Riduttivo parlare di episodi, i tre punti siano andati alla squadra che ha meritato di più”.
10.10.2020 18:20 di Filippo Maestri   Vedi letture
Viali in vista della Feralpi: “Limitiamo gli errori sotto porta e le disattenzioni in difesa”

Non può che essere il successo ottenuto sul campo del Perugia a dare il via a mister Viali: “Siamo orgogliosi dell’importante risultato ottenuto, perché abbiamo avuto subito modo di riscattare la sconfitta casalinga con la Triestina.
Non posso nascondere che abbiamo commesso diversi errori sotto porta e qualche sbavatura in difesa, allo stesso tempo però siamo stati in grado di ribaltarla a nostro favore, e non era per nulla scontato; dobbiamo però ora tenere i piedi ben piantati per terra e pensare alla sfida di domani”.

La sorte sembra essere cambiata: finalmente gli di episodi sono stati favorevoli dopo che nelle prime giornate erano stati più quelli contrari. “Parlare di episodi rischia spesso di essere un alibi per chi esce sconfitto e non rendere onore a chi invece porta a casa l’intera posta in palio; giovedì si è visto nella squadra l’atteggiamento che chiedo sempre in settimana e penso che i tre punti siano andati alla squadra che ha meritato di più”.

Domani si torna al Manuzzi: in tempi di porte chiuse è ancora valido il fattore campo? “Mi pare evidente, ora che le partite vengono giocate senza pubblico, che parlare di fattore campo lascia il tempo che trova. È prematuro, alla vigilia della quarta giornata, parlare di sorprese o delusioni; solo da pochi giorni si è concluso il mercato estivo e ci vorrà tempo per capire l’effettivo valore degli organici”.
Arriva la FeralpiSalò, capace di ottenere già due vittorie nelle prime tre gare disputate: cosa dobbiamo aspettarci domani e quali cambiamenti di formazione potrebbero esserci? “I lombardi sono una squadra in crescita, sia come società che come rosa. Giocano assieme da diversi anni, hanno elementi esperti, di qualità, uniti a giovani di ottima prospettiva; non sarà per nulla facile domani venirne a capo. Credo comunque sarà una gara avvincente, fra due formazioni che giocano a viso aperto e che cercano sempre di aggredire alti gli avversari, vincerà chi sarà più ‘affamato’”.

Caturano dimostra già di essere un capitano perfetto, è sorpreso che in cosi poco tempo si sia calato nel ruolo? “Prima di affidargli la fascia ne ho parlato con la società e con la squadra, fin da subito è stato chiaro che era la scelta migliore per tutti. Sta confermando le aspettative su di lui. Capiterà in stagione che ne saremo privi, quindi già da ora non dobbiamo lavorare in funzione di un singolo elemento ma dell’intero gruppo”.
Gli ultimi arrivati dal mercato sembrano già pronti e arruolabili. “Come già detto abbiamo cercato giocatori a posto fisicamente, perché non ci potevamo permettere di aspettarli; Gonnelli è quello più rodato, mentre Steffè e Longo hanno bisogno di ritrovare il ritmo gara”.