L’Altro bomber: Giampaolo racconta Leonetti

Domani l’attaccante della Vastese scenderà in campo al Manuzzi. Per la prima e ultima volta da avversario?
07.12.2018 19:00 di Bruno Rosati  articolo letto 2598 volte
Giampaolo al Sliema Wanderers
Giampaolo al Sliema Wanderers

Leonetti sì, Leonetti no. Leonetti al Cesena, Leonetti al Matelica. La punta al momento è rimasta nella Vastese, prossimo avversario del Cavalluccio. Non è detto però che la situazione rimanga tale sino alla chiusura della sessione di mercato.
Abbiamo parlato di questa situazione e della partita di sabato prossimo con un suo compagno di squadra, Daniel Giampaolo. Omonimo dell’ex tecnico bianconero, ora alla Sampdoria, l’ala sinistra vanta già una discreta militanza in serie D nonostante i 23 anni e persino un trascorso nella serie A del campionato di Malta, tra le fila del Sliema Wanderers.

Giampaolo, dopo 94 presenze e 26 gol distribuiti nei vari gironi della serie D cosa l'ha portata a scegliere il club teatino?
“L’anno scorso ho fatto la prima parte di campionato in serie C nella Virtus Francavilla, a dicembre mi sono trasferito nel San Nicolò Notaresco. Sono tornato a saggiare questo girone di serie D dopo l’esperienza di qualche anno fa nel Real Giulianova. Da luglio sono arrivato qui a Vasto, una piazza importante. Il mister mi ha voluto fortemente ed ho deciso di accettare quella che per me è una sfida molto ambiziosa”

Dopo la sconfitta interna di domenica, la Vastese deve riprendere a macinare punti per mantenere il vantaggio guadagnato sulla zona retrocessione. Che partita sarà quella di sabato? 
“Noi veniamo a Cesena per rialzarci subito. La nostra filosofia è quella di giocare sempre per i tre punti. Quello romagnolo è un grandissimo club e sono convinto sarà una bellissima partita”

Leonetti, il vostro punto di riferimento in attacco ha attirato l’attenzione di molte squadre, tra cui lo stesso Cesena e la capolista Matelica. Come viene vissuto tutto ciò? 
“Vito è un giocatore fortissimo, è normale che faccia gola a tante squadre. Anche fuori dal campo non si risparmia mai ed è sempre molto disponibile a dare consigli a noi ragazzi più giovani. È un professionista: in questo periodo si è allenato al meglio e non si è fatto distrarre dalle tante voci di mercato”

Dopo Leonetti, tu sei il giocatore che ha centrato più volte il bersaglio fra i tuoi compagni di squadra. Nel caso la società decidesse di cederlo, sei pronto a raccogliere la sua eredità sulle tue spalle?
“In attacco siamo molti giocatori con caratteristiche differenti. Abbiamo diverse possibili soluzioni, non mi sento questo peso addosso. Tra i miei compagni di squadra ce ne sono di esperti, con molte presenze alle spalle sia in serie D che nelle categorie superiori. Io posso solo imparare da loro”

Al di là delle chiacchiere di mercato, quali obiettivi ti poni in vista dei prossimi mesi?
“La prima cosa a cui penso è salvarmi con la Vastese. Personalmente vorrei fare più gol possibili, superare almeno alla doppia cifra”