A TE DEG ME: "Girone F, serie D: che autolesionismo!"

07.06.2019 08:35 di Redazione TUTTOCesena   Vedi letture
Diego "steward" a Giulianova
Diego "steward" a Giulianova

Uno degli "eroi" di Magdeburgo (trasferta in pullman), ci scrive per raccontare le sofferenze di un campionato sicuramente indimenticabile...

Diego: "Finalmente è finito questo dannatissimo campionato di serie D e meno male che ce l’abbiamo fatta. Alla fine ero talmente stremato, oserei dire nauseato, dalla “vergogna” per questa categoria, e anche da una buona dose di paura di non potercela fare, che non sono nemmeno riuscito ad esultare e a festeggiare. Mi sono innamorato della squadra della mia città alla fine degli anni sessanta e ho avuto la fortuna di accompagnarla nella sua travolgente crescita nel calcio italiano. Quando ci fu la prima e poi anche la seconda retrocessione in serie C credevo non esistesse una ancora più grande tragedia sportiva, pensavo che non esistesse qualcosa di ancor più mortificante di andare a Fiorenzuola d’Arda, o Carrara, o Montevarchi. Invece mi sbagliavo e per un anno ho vissuto qualcosa di veramente indescrivibile: il girone F della serie D. Ciononostante, con uno sprezzante senso di autolesionismo, mi sono voluto ugualmente sciroppare ben 15 trasferte su 19 (o meglio 18 in quanto Matelica ci è stata vietata...) per potere provare appieno la grande umiliazione di andare in campi sportivi sperduti su e giù per l’Italia (anzi più giù che su.....) Ora è davvero finita e, in attesa di categorie un po’ più consone al nostro blasone, per ora accontentiamoci e “godiamoci” questa serie C".