A TE DEG ME "Caro Lugaresi, provarci non basta"

 di Redazione Tuttocesena  articolo letto 919 volte
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
A TE DEG ME "Caro Lugaresi, provarci non basta"

Gianluca: "Se il presidente è debole, alla lunga, anche la mentalità di tutte le persone che formano l'azienda ne sarà indebolita. Lugaresi, lascia perdere la gestione l'a.c. Cesena s.p.a.. E' inutile insistere continuando a comportarsi come sempre. E' da stupidi pensare che le cose possano cambiare continuando ad operare sempre alla stessa maniera. Ti ho sentito affermare che "ogni tanto qualcosa di buono succede" come a dire che l'importante è esserci e perseverare, che poi le cose si aggiustano. Come una vecchia morale cristiana, come il posto fisso. Come se per una persona le proprie caratteristiche strutturali, intellettive, morali, culturali e di esperienze vissute non fossero determinanti sulla qualità dei risultati che ottiene dalla propria attività professionale. Come se bastasse non mollare mai per ottenere ciò che si vuole. Come se tutto fosse possibile sempre e comunque. Come se continuare a distruggere risorse senza costruire nulla di vantaggioso fosse naturale e del tutto secondario rispetto ai propri inossidabili ed eterni principi. Caro Lugaresi non ascoltare le critiche negative bollandole come provenienti da quella parte per la quale normale essere in disaccordo perchè "non si può e non si deve andare bene a tutti": è il grande inganno in cui stai precipitando e dove stai nascondendo i tuoi limiti. Il calcio è un gioco. Sapere quando smettere di giocare fa parte dell'equilibrio che ogni persona dovrebbe avere".