Angelini: “Per Natale vorrei un nuovo terzino”

Il mister dopo la partita chiede un piccolo sacrificio alla Società e si confronta con il gioco bianconero
13.12.2018 13:00 di Andrea Pracucci   Vedi letture
Beppe Angelini
© foto di DiLeonforte/TuttoCesena.it
Beppe Angelini

Mister Beppe Angelini ha parlato al termine della partita contro il Notaresco, soffermandosi in particolare sull'infortunio di Valeri e chiedendo alla Società un intervento sul mercato per acquistare un suo sostituto.

Una vittoria uguale tre punti: ma “per come è venuta, forse, ci dà qualcosa di più”.
Angelini è soddisfatto dopo il trionfo allo scadere contro il Notaresco: “Le partite sono sempre difficili per noi. Oggi abbiamo giocato una partita equilibrata. Potevamo vincere, pareggiare o perdere. Siamo stati bravi a rimanere in partita e alla fine l'episodio, a differenza di altre volte, ci ha favorito. Loro giocano bene, hanno avuto le loro occasioni ma noi non gli abbiamo concesso grosse palle gol”

La discrimine fondamentale è stata la rete di Tortori pochi istanti prima dell'intervallo, che ha portato il risultato sul 2-2. “È stato importante, così poi abbiamo avuto tutto il secondo tempo per recuperare con più calma. Poi sul finale Alessandro, che ha messo dentro parecchi palloni per tutta la partita, ha fatto una grande azione e Benassi ha segnato”.

La pessima notizia arriva da Valeri, uscito al 74' aiutato da due membri dello staff bianconero: “Purtroppo ha sentito tirare, quindi c’è il rischio di una lesione al flessore della gamba destra. Sicuramente lo rivediamo a gennaio. Stasera non ho un terzino che lo sostituisca: speriamo domani di poterlo avere. Il massimo sarebbe che la società trovasse un terzino che possa giocare su entrambe le fasce: ci sarebbe servito comunque, perché Valeri non poteva disputarle tutto il campionato a questa intensità”

Una battuta anche sul Matelica, che oggi il mister ha visto con i suoi occhi sul campo della Savignanese. “Le altre partite di Serie D, viste su terreni di gioco differenti, sembrano completamente diverse dalle nostre. Può sembrare di vedere delle squadre deboli o problematiche, ma in realtà quando vengono qui da noi dimostrano un ottimo valore”.