Le pagelle di Olympia Agnonese-Cesena | Black-out collettivo nel finale

La squadra di Angelini gioca più di un’ora senza difficoltà contro un avversario modesto. La scelta di Angelini di cambiare modulo in corso d’opera rimette tutto in discussione.
30.01.2019 18:00 di Bruno Rosati   Vedi letture
© foto di Francesco Di Leonforte/TuttoCesena.it
Le pagelle di Olympia Agnonese-Cesena | Black-out collettivo nel finale

Agliardi 6 Non è praticamente mai chiamato in causa, nemmeno sull’azione che porta l’Agnonese a dimezzare lo svantaggio.

Marfella 5,5 Decisamente il giocatore più in difficoltà di tutti quando le cose sembrano andare bene. Non appena la situazione si complica viene sostituito, evitandogli così di vivere un pomeriggio ancora più complicato. (Dall’80' Noce 6 Entra negli ultimi minuti per sopperire alla situazione di difficoltà che si è venuta a creare. Si dimostra utile nel chiudere gli spazi, impedendo ai padroni di casa di superare la trequarti.)

Ciofi 6 Partita sontuosa sino al gol dell’Agnonese, dopodiché va in difficoltà pure lui ma meno di certi suoi compagni.

Benassi S.V. La sua partita termina dopo appena una ventina di minuti. Ci si augura che i tempi di recupero siano brevi (Dal 18' Viscomi 6 Non disdegna di impostare l’azione con svariati lanci per Ricciardo e Alessandro e non commette particolari errori. Però dal difensore più esperto in campo ci si aspetta di più, soprattutto nel posizionamento in occasione del gol.)

Valeri 5,5 Non si fa trovare posizionato benissimo nel frangente del suo autogol, sebbene la colpa non sia imputabile principalmente a lui. Sino ad allora si era fatto apprezzare come suo solito, sfoderando anche una conclusione pericolosa. Dopo l’1-2 va in apnea e fatica a contenere Salifu e Nyang.

De Feudis 6 La gara che ci si aspetta sempre da lui in mezzo al campo. Non toglie mai la gamba, detta i ritmi di gioco e non va troppo in affanno anche quando è pressato da due o tre avversari. Il capitano permette alla nave di non affondare.

Fortunato 6,5 Pronti via, va subito in gol. Sulle seconde palle c’è sempre. Al di là dei moduli, sino alla sua sostituzione il Cesena era padrone del campo. Senza di lui la squadra perde un punto di riferimento e fa acqua da tutte le parti (Dal 58' Tola 5,5 Entra per addormentare la partita ma l’inspiegabile autorete scompiglia i piani. Prova a dare una mano a Valeri in fase di contenimento sulla catena sinistra. Prova nel complesso deficitaria. In pieno recupero però spegne per ben due volte le iniziative dei molisani, scongiurando un finale di pomeriggio da incubo. Mezzo voto in più per questo.)

Munari 5,5 Tanta corsa ma anche tanta imprecisione. Sull’1-0 non riesce a segnare il raddoppio, venendo anticipato nell’area piccola. Ad inizio ripresa coglie un palo che sarebbe potuto essere la rete della sicurezza. Completamente spaesato nel ruolo di mezzala.

Tonelli 6,5 Parte titolare e non ha la smania di arrivare alla conclusione il prima possibile. Gioca più arretrato rispetto quel che è solito fare ma non si fa affatto disprezzare. Con la complicità della difesa avversaria, regala il pallone del 2-0 a Ricciardo (Dal 65' Rutjens 4,5 Con il suo ingresso si passa alla difesa a tre e la squadra smarrisce il proprio equilibrio. Disastroso nelle chiusure, viene lasciato sul posto da Ribeiro Salim che spedisce il pallone sui piedi di Valeri nell’occasione dell’autogol.)

Alessandro 6 Di categoria superiore rispetto ai difensori dell’Agnonese, centra il palo in avvio, propiziando il gol di Fortunato. Più egoista rispetto alle settimane passate, cerca la finalizzazione invece di servire compagni meglio posizionati e la partita rimane aperta.

Ricciardo 6,5 Segna con costanza, si sacrifica e tiene alta la squadra nel momento del bisogno. Ci manca solo che si metta a fare il volontario per la Croce Rossa e a Cesena dovremmo cambiare il santo patrono. San Ricciardo segna per noi! (Dal 71' De Angelis 5,5 Sostituisce Ricciardo nel momento più delicato della gara e non riesce a rimpiazzarlo al meglio. Gli arrivano pochi palloni e non ha l’occasione di mettersi in mostra.)

Angelini 5 L’avversario di oggi è poca cosa e la partita si incanala subito sui binari giusti. Lodevole sulla carta l’idea di provare anche il 3-5-2, dato che ci si trovava in pieno controllo. Risulta però pessima l’applicazione del nuovo modulo, sta a lui avere la sensibilità di capire quanto sia duttile la squadra nel cambiare in corsa ed in questa occasione ha sbagliato. Con tanti impegni ravvicinati in vista, sarebbe stato meglio preservare Alessandro sostituendolo con Tortori, lasciato in panchina per novanta minuti.

Cesena FC 5,5 Sessantacinque minuti da 7 e venticinque da 4. Se non facciamo una media ponderata la valutazione finale è questa. Non ci si può addormentare così tanto prima del finale di gara, indipendentemente dallo schieramento adottato.