Le pagelle di Cesena-Lecco | Cinepanettone

“E anche questo campionato se lo semo levato dalle… ”
01.06.2019 03:30 di Bruno Rosati   Vedi letture
Le pagelle di Cesena-Lecco | Cinepanettone

Sarini 6,5 Subisce due gol da distanza più che ravvicinata, sui quali francamente c’era poco da fare. Evita un risultato più rotondo, spedendo in angolo un missile spiovente sparato da centrocampo. “Ma questa non è Las Vegas, questa è Las Sfigas”.

Viscomi 5,5 È lento a chiudere su Lisai, così l’esterno lecchese si trova libero di servire in mezzo il pallone del vantaggio. Subisce la costante ricerca della verticalizzazione da parte dei lombardi. Un suo tiro fuori misura fa calare il sipario sulla stagione.

Ciofi 6 Chiamato a guidare la linea difensiva, non detta i tempi nel migliore dei modi. Ma è anche l’unico della linea a tre a non commettere errori compromettenti. Prova a rendersi pericoloso in avanti sui calci piazzati.

Benassi 5 Dorme su entrambe le reti di Capogna. La sua prestazione nell’ultima gara ricorda molto il suo inizio shock contro la Savignanese, nel mese di settembre. Per fortuna nel corso di questi mesi si è dimostrato essere ben altro. “Mamma mia, se non me bombardo de caffeina, casco ’n letargo”. (Dal 67' Mantovani S.V.)

Zamagni 6,5 Dopo le reti di Capellini e Tola, sarebbe stato bello se fosse riuscito a segnare pure lui. L’occasione arriva, purtroppo si attarda a concludere ed un difensore lo chiude in scivolata. Con il doppio svantaggio sparisce dal campo, assieme a tutti gli altri.

Tola 6 In affanno rispetto alle due uscite precedenti. Il gioco vive di folate e non si fa trovare pronto a fermare sul nascere i contropiedi che costano al Cesena la partita. Nel complesso, la prova non è comunque da disprezzare. Valorizzato dalla poule scudetto. “Sole, whisky e sei in pole position”.

Campagna 5,5 Sotto di due gol, è l’unico che veramente ci prova a riaprire il discorso qualificazione. Peccato però ci sia anche tutto un prima in cui emerge poco. “Devi imparare a socialize, a socializzare... come un’ape che vola su tanti fiori: prende qua, prende là... e poi diventa migliore”.

Valeri 6,5 Dai primi giorni di settembre sino agli albori di giugno non si è mai fermato su quella fascia. Giocando più avanzato risulta uno dei più pericolosi in zona offensiva. È fondamentale che rimanga. “Per sta notte t’adatti! Poi da domani te trovo casa, su”. (Dal 67' Marfella S.V.)

Andreoli 6,5 Gioca ovunque, ha molta voglia di far capire a tutti di meritarsi la conferma. E sfiora un gol di tacco che avrebbe dato senso all’intera giornata. “Piede tamburellante e occhio a radar per captare focolai d’interesse”. (Dal 72' El Bouhali S.V.)

Capellini 5,5 Ha già smarrito il killer instinct che lo aveva contraddistinto in questo post season. Corre tanto, troppo spesso a vuoto. “Ueh, my brother fratellone! C’è un gran movimento stasera giù in ‘Capanna’ ”.

Alessandro 6 Cambio di look o meno, non c’è niente da fare: è sempre lui il più pericoloso fra gli attaccanti bianconeri. I compagni però lo lasciano troppo isolato. “Damme la ciuffona, che te faccio viaggia’ in business class”. (Dal 72' Munari S.V.)

Angelini 8 Visto il trattamento che gli è stato riservato, è già tanto che si sia presentato in panchina per questa partita. “Cambiare car è una scelta di vita, believe me”.

Cesena FC 5,5 Partita che fa poco testo, dall’importanza relativa. È evidente che chiunque abbia dato priorità di attenzioni alle scelte con cui si stanno gettando le basi per la prossima stagione. Una disputa simile si può tranquillamente commentare senza prendersi troppo sul serio. Chiudere con una sconfitta però non fa mai piacere. “Eh sì, quando termina la stagione c’è sempre un po’ di malinconia, come quando finisce una festa e restano solo i bicchieri da lavare. Varda là: adesso comincia anca a nevegar!”