Sensi, Alessandro, Modesto, Giampaolo: ecco di cosa parlano i sapientoni

D’estate, sotto l’ombrellone, se ne sentono davvero di tutti i colori. E c’è pure chi prova a difendere i terrificanti trascorsi in Romagna del Professore di Bellinzona…
01.07.2019 17:00 di Flavio Bertozzi   Vedi letture
© foto di Marco Rossi/TuttoCesena.it
Sensi, Alessandro, Modesto, Giampaolo: ecco di cosa parlano i sapientoni

È (ancora) l’estate dei villeggianti che si lamentano per il caldo torrido. Dei bambini viziati che si perdono fra gli ombrelloni. Dei baci appassionati fra la Belen e (beato lui…) Stefano De Martino. Degli scoop a luci rosa di Alfonso Signorini. Dei flop (da stadio) di Ligabue. Dei litigi fra Di Maio e Salvini. Dei buoni propositi per l’inverno di Valeria Marini. Delle femministe che, all’improvviso, hanno scoperto il calcio in tv.

PURE RICCIARDO - Ma è anche l’estate delle chiacchiere ‘pallonare’ sotto l’ombrellone. L’estate di chi…sa sempre tutto e di tutti. “Io l’avevo già capito in tempi non sospetti che Sensi avrebbe sfondato. Bisoli non capisce proprio un c***o di calcio…”. “Danilo Alessandro? Non l’hanno confermato a Cesena perché nell’ultima stagione ha difeso troppo l’operato di Angelini, facendo infuriare Patrignani e soci…”. “Vedrai, la panca di Modesto salterà dopo 5-6 giornate. Rende non è Cesena. E lui può allenare soltanto al sud…”. “Tonelli? E’ come Ricciardo: in serie C non può assolutamente giocare…”. Tonucci è davvero un gran traditore, un mercenario, uno attaccato ai soldi. Una volta mi sono fatto raccontare tutta la sua storia da un amico di Giorgio Lugaresi…’. Vabbè, dai. Mi arrendo. Definitivamente.

CON IL RUMENO - Anzi, no. Non mi arrendo. “Marco Giampaolo è uno dei più grandi allenatori di sempre del calcio italiano – diceva oggi un signore di Faenza sotto l’ombrellone, in spiaggia a Cesenatico… - un genio assoluto. Uno che in tre anni porterà il Milan lontanissimo. A Cesena è stato cacciato via per colpa di Mutu e Candreva, che  da sotto gli facevano la guerra…”. No signori, così è troppo. E non soltanto perché il raccomandatissimo (ed esoneratissimo, ehm ehm…) Professore di Bellinzona, in riva al Savio, ha vinto solo una smerdatissima gara di Coppa Italia, contro l’Ascoli, a San Marino, grazie a un gol segnato da Bogdani al 119’. Basta caldo! Basta tormentoni in salsa caraibica! Basta sapientoni (della pedata) sotto l’ombrellone! La odio già, quest’estate infarcita di insalatone e beveroni dimagranti a base di zenzero. Aridatece la pioggia! Aridatece i cappelletti in brodo! Aridatece il campionato! Aridatece il…derby col Rimini.

PAREGGIO SICURO - Ah, a proposito del derby col Rimini. Ve lo dico già: la prossima sfida che il Cesena giocherà al ‘Neri’ (il 24 novembre: i calendari di C sono già stati fatti ma questa cosa non la si deve sapere in giro…) finirà 1-1. Segnatevelo già, questo risultato. Io, con i pronostici, ci prendo sempre. Io non mi sbaglio mai. Mai.