Caro Modesto, domenica lo facciamo un bel ‘regalino’ a Walter?

Il 2 aprile del 2000, a Fermo, cominciava la vergognosa (e chiacchierata) agonia del Cesena guidato dal ‘povero’ Nicoletti. E a ripensare a quell’incredibile discesa all’inferno…
01.11.2019 17:30 di Flavio Bertozzi   Vedi letture
Caro Modesto, domenica lo facciamo un bel ‘regalino’ a Walter?

Domenica a Fermo, Francesco Modesto, proverà a far rinascere il Cavalluccio.
Il 2 aprile del 2000, sempre a Fermo, Walter Nicoletti cominciava il suo calvario ‘targato’ Cesena.


Negli ultimi 4 o 5 anni l’ho sentito spesso, Walter. Spessissimo. Parlavamo a lungo, al telefono. Di Lucio Battisti. Dell’Equipe 84. Della crisi del turismo romagnolo. Delle sue bellissime iniziative benefiche. Della sua voglia di vivere.


Parlavamo anche di calcio, ovviamente. Del Cesena, soprattutto. Ed era uno spettacolo sentirlo parlare a tinte bianconere. Lui che, il Cavalluccio, lo aveva tatuato sul cuore.


Mi sentivo morire dentro, però, quando lo sentivo parlare di quella maledetta stagione 1999-2000. Perché prima o poi, il discorso, cadeva sempre lì. Su quel folle harakiri in salsa romagnola. Un harakiri condito da mille chiacchiericci.


Non so se, quella volta, qualche suo giocatore ha fatto davvero la ‘porcata’. Non credo. Di sicuro, quella volta, qualche suo allievo è andato in apnea proprio nel momento clou della stagione. Di sicuro, quella volta, il ‘povero’ Walter è stato tradito.


Quel 2 aprile del 2000, alla fine del campionato, mancavano 10 giornate.  E il Cesena aveva 9 punti di vantaggio sulla quartultima. In soldoni, la salvezza era già in saccoccia. Blindata. O quasi.


Ed invece, quel giorno, contro la (già condannata) Fermana, Taldo e soci persero per 1-0. Dando il la a quell’incubo che poi, a giugno, fece piangere tutta la Romagna bianconera.


Mi viene (ancora) male a ripensare a quell’assurdo 2-2 maturato col Napoli di Bellucci.  A quel pazzesco 3-2 incassato a Vicenza. A quel pacchiano 3-3 raccolto col Cosenza di Mutti. A quel folle doppio spareggio salvezza perso con la Pistoiese del para-tutto Dei.


Se penso a Walter, se penso a questo grande uomo che ci ha lasciato troppo presto, penso però soprattutto a quel terribile 2 aprile del 2000. A quella sconfitta di Fermo. È cominciato tutto lì. Quella maledetta domenica.


Ecco perché, quasi 20 anni dopo, sempre a Fermo il Cesena di Modesto avrà un buon motivo in più per vincere: vendicare quell’affronto subito dal ‘Baffo’.


Ciao Walter, mi manchi tanto. Anzi, ci manchi tanto. Sì, stai tranquillo. Fidati di me. Vai pure a giocartelo, il 2 fisso: domenica, il tuo Cesena, a Fermo vince di sicuro.