Ricciardo non ci sta: “Quante falsità su di me!”

L’ex bomber bianconero, in Sicilia, è a secco da 5 partite: “Non ho mai litigato con mister Pergolizzi: resto a Palermo! Caro Cesena, ci vediamo a… Natale”
13.12.2019 12:00 di Flavio Bertozzi   Vedi letture
Ricciardo non ci sta: “Quante falsità su di me!”

Il suo ex gemello (bianconero) del gol Danilo Alessandro, in quel di Campobasso, ha finalmente ingranato le marce alte (4 gol segnati nelle ultime partite). Giovanni Ricciardo invece, a Palermo, dopo una partenza sprint (8 sigilli messi a segno nelle prime 10 uscite), ha imboccato all’improvviso il tunnel della crisi: il 33enne attaccante di Messina non la butta infatti dentro dal 3 novembre scorso.

MALELINGUE - “Sto attraversando un momento non brillante - spiega l’ex super-bomber del Cesena – sono 5 partite che non segno. Ci tengo a precisare però che, su di me, girano troppe falsità. Non è assolutamente vero che ho litigato con mister Pergolizzi. Così come non è assolutamente vero che a gennaio voglio andarmene via, magari al Foggia o al Cerignola. Non so chi ha messo in giro queste cavolate, di sicuro io voglio tornare protagonista in questa piazza e  riportare il Palermo in C. Ho fatto tanto per vestire i colori rosanero, il bello deve ancora venire…”.

COME A CASA - Ricciardo, anche in riva al Savio, aveva avuto dei problemini con qualche malelingua. E pure con qualche - ehm ehm - gufo. “Ma a Palermo è tutto amplificato - continua l’ex bianconero - Palermo è Palermo. Qui le pressioni sono davvero tante, fa parte del gioco…”. L’attaccante è ora pronto per disputare le ultime due gare dell’anno, poi tornerà a… Cesena. “Ma resterò in Romagna solo tre giorni. Arrivo il 24 e riparto il 27. Poi riprenderanno gli allenamenti…”. Ti aspettiamo a braccia aperte, caro Giovanni. Per farti gli auguri. E per vedere (dal vivo) il tuo Cavalluccio tatuato sulla schiena.