Il Resto del Carlino: "Piangerelli convinceva le famiglie"

Paolo Morelli descrive le motivazioni della condanna sportiva all'ex ds del settore giovanile dell'AC Cesena
01.03.2020 20:18 di Redazione TUTTOCesena   Vedi letture
Il Resto del Carlino: "Piangerelli convinceva le famiglie"

Gigi Piangerelli prossimo ds del Cesena al posto di Alfio Pelliccioni? Difficile - la parola impossibile nel calcio non esiste - vista la "macchia" che la giustizia sportiva ha impresso sul suo curriculum. A riportare la notizia è il solerte Paolo Morelli dalle colonne de Il Resto del Carlino, che come ormai d'abitudine racconta le vicende del primo processo - siamo a quello sportivo - relativo alle plusvalenze sull'asse Chievo-AC Cesena, società poi fallita nell'estate 2018. 

"Piangerelli convinceva le famiglie" è il titolo del quotidiano cesenate che riprende le motiviazioni dell'inibizione inflitta a Piangerelli dal tribunale presieduto da Cesare Mastrocola. "La condotto ascritta a Lugi Piangelli - scrive il tribunale - riguarda l'organizzazione ed attuazione di compravendite di giovani calciatori a valori abnormi intervenute tra le società Chievo Verona Srl e AC Cesena Spa. La reale natura di tali compravendite risulta essere già stata accertata dall'esito del precedente procedimento conclusosi con le sanzioni a carico delle società Chievo Verona Srl e Ac Cesena Spa, natura peraltro non contestata nemmeno dallo stesso incolpato".

Morelli e il Carlino spiegano che "la giustizia sportiva, peraltro, pesca a piene mani nell'ordinanza del 9 luglio 2019 del Gip del Tribunale di Forlì, nella quale sono descritto l'opera di convincimento di Piangerelli nei confronti dei giovani calciatori e le loro famiglie".

Piangerelli, a fronte di una richiesta della Procura sportiva di sei mesi di inibizione, è stato condannato a soli quattro mesi di inibizione.