Modesto non teme la prima: “A Carpi lo stesso atteggiamento visto al Manuzzi”

Il mister non avverte la pressione della ‘prima’, si è già giocato contro Rimini e Pesaro…
24.08.2019 18:00 di Giordano Rosati   Vedi letture
Modesto non teme la prima: “A Carpi lo stesso atteggiamento visto al Manuzzi”

Francesco Modesto si presenta decisamente tranquillo alla vigilia della prima gara di campionato contro il Carpi. Il tecnico di Crotone esordisce dicendo che la gara di domani non sarà la prima in cui “si farà sul serio, ma occorrerà comunque stare attenti ed essere bravi a giocare con temperature diverse da quelle che abbiamo affrontato sino ad ora”.
Ora che la stagione si appresta ad entrare nel vivo, è tempo di fare anche un primo bilancio sulla preparazione: “Abbiamo rispettato i tempi di allestimento della  stagione ed ho avuto modo di lavorare con tutti i giocatori, ad eccezione di Marson e Zerbin (infortunati, ndr), ma serviranno ancora un po’ di partite per il rodaggio completo della squadra”.

La prima gara di campionato può sempre nascondere delle insidie, soprattutto se si debutta con una squadra completamente rinnovata, ma il mister si dimostra sicuro: “Non è il primo incontro che disputiamo, le partite con Rimini e Vis Pesaro mi hanno dato le risposte che cercavo. Anche le amichevoli con Spal e Milan sono state importanti. La cosa che più mi interessa del match di domani è il voler sempre prestazioni dello stesso tipo sia in casa che in trasferta”.
Soffermandosi sul gruppo, l’ex Rende dichiara di avere a disposizione persone molto intelligenti che “sanno cosa vogliono fare ‘da grandi’”. Aggiunge anche: “Non direi queste cose se non le pensassi veramente”.

Sulla sfida di domani: “Non affrontiamo una partita difficile, ma molto importante. Il Carpi è una squadra di massimo rispetto, della quale conosco diversi giocatori. Ad esempio, ho giocato insieme a Jelenič (nel Padova, stagione 2013-2014, ndr), grandissimo professionista”. Proprio lo sloveno era stato mattatore assoluto dell’ultimo Carpi-Cesena, finito 2-1 per i padroni di casa grazie ad una sua dioppietta.
Il tecnico bianconero si espone anche sul grande affetto dimostrato alla squadra da parte di tutta la tifoseria: “Dobbiamo essere bravi a portare un attaccamento così importante dalla parte nostra, dobbiamo far divertire i tifosi facendo continuare questo grande calore dimostratoci fino ad ora”.

Concludendo, Modesto si lascia andare anche sul talentuoso Valencia: “Deve crescere e capire meglio i momenti della gara, ascoltando di più chi gli da consigli e guardando le partite non più come uno spettatore, ma come un professionista, stando attento ai movimenti dei giocatori in campo”.