Castori: “L’importante era non perdere”

 di Redazione TUTTOCesena  articolo letto 2796 volte
© foto di DiLeonforte/TuttoCesena.it
Castori: “L’importante era non perdere”

“È stata una partita combattuta - ammette Castori -. Il vento ha influito tantissimo sulla qualità del gioco: l’importante non era perdere. È un fatto positivo per noi, soprattutto in chiave salvezza, ma non solo, anche perché l’Avellino ha fatto qualcosa più di noi”.

“L’arbitro non ci ha regalato nulla - ammette -, e voglio rivedere l’occasione del tiro di Cascione: forse c’è stato un tocco di mano di Morero, ma non voglio creare polemica. Ci sono stati due episodi che hanno condizionato la gara”

“Voglio chiarire la conferenza di vigilia - spiega il tecnico -: era tutto riferimento al campo. Nessuna intenzione di fare polemica per l’ambiente che mi ha sempre accolto al meglio. È un campo difficile per gli ospiti: l’importante era non perdere”.

Castori chiude con un pensiero su Cacìa: “È stato infortunato, poi lo abbiamo centellinato: è un giocatore che vede la porta come pochi”.