Trudo: “Quanto è forte Yabre!”

Il capitano della Jesina ci parla del suo rapporto con le Marche.
15.02.2019 19:00 di Patrick Lavaroni  articolo letto 2516 volte
Kevin Trudo
Kevin Trudo

Kevin Trudo, attaccante franco-caraibico in Italia da più di un decennio, ci presenta il prossimo avversario del Cesena. La Jesina è la squadra di cui è diventato capitano e nella quale milita anche una vecchia conoscenza bianconera.

Trudo, qual è stato il suo percorso alla Jesina? Com’è diventato capitano?
“Sono arrivato alla Jesina 5 anni fa, ma mi trovo nella Marche da dodici anni. Ho girato tutte le squadre di questa regione, dal Matelica al Fano… diciamo che prima o poi dovevo venire anche a Jesi. Ho pure sposato una ragazza di qua. Della rosa di cinque anni fa sono uno degli ultimi rimasti, così sono diventato capitano per anzianità”

Come sta andando il vostro campionato?
“Abbiamo vissuto momenti difficili. La prestazione, anche con del bel gioco c’è sempre stata, mentre i risultati hanno fatto fatica ad arrivare. Abbiamo sofferto molto per uscire dai playout e probabilmente meritavamo qualcosa in più, ma ora non dobbiamo smettere di spingere, siamo sulla strada giusta per la salvezza”

Che partita sarà contro il Cesena?
“Sicuramente loro sono i più forti, non lo possiamo nascondere, il primo posto è meritato ma noi non abbiamo nessuna paura. Giocare a Cesena è un sogno, molti di noi non hanno mai visto uno stadio simile con quel pubblico. Ci basta questo come motivazione, in più abbiamo bisogno di punti per la salvezza e sappiamo che il nostro avversario vorrà farne più possibile da qui alla fine”

Tra le fila della Jesina gioca anche un elemento passato dalle giovanili del Cesena, Abdul Yabre…
“All’inizio ha giocato poco, poi una volta entrato in forma si è rivelato un giocatore devastante grazie alla sua forza fisica. È fortissimo ci sta dando una grossa mano. Ormai è un punto di riferimento, sta facendo un bel campionato e si merita ogni soddisfazione possibile”