Parola di mister Medri #9: Jesina

Mister Filippo Medri, settimana dopo settimana, ci racconta le avversarie
27.10.2018 19:00 di Gian Piero Travini  articolo letto 1457 volte
Yabre in bianconero
© foto di Marco Rossi/TuttoCesena.it
Yabre in bianconero

Dopo una brutta retrocessione e il successivo ripescaggio, la Jesina riparte in questa stagione con una squadra rinnovata e con cambio di guida tecnica.

Il tecnico è Davide Ciampelli, giovane allenatore classe ’83 con all’attivo diverse esperienze negli Allievi e in Primavera e col calcio che conta, collaborando con Federico Giunti alla guida del Perugia in serie B. Lui stesso ha raccontato a TUTTOCesena i motivi del passaggio alla Jesina.
Della scorsa stagione sono rimasti il centrocampista Luca Magnanelli e gli attaccanti Kevin Trudo, Riccardo Pierandrei e Alessandro Cameruccio, che mercoledì scorso ha agguantato il pareggio contro il Pineto al 90'.
In questo inizio di stagione i risultati sono stati un po’, altalenanti frutto di buone prestazioni però condite sempre da qualche disattenzione di troppo.
Il modulo preferito è il 4-3-3, ma abbiamo visto in questo inizio che molte squadre quando affrontano il Cesena tendono ad adeguarsi ai movimenti dei bianconeri, che per indole tengono il boccino del gioco, cambiando a secondo delle situazioni.

La linea difensiva è composta dai centrali Pierluigi Riccio e Leonardo Nonni, giocatori di struttura ma non molto veloci, con i terzini under Matteo Fracassini – in prestito dall’Arezzo – e l’ex bianconero Mattia Martedì, passato per le giovanili: entrambi gli esterni rischiano grosso nell’uno contro uno.

Il centrocampo è composto da Edo Ceccuzzi – portato dal mister dalla Primavera del Perugia – o Lorenzo Bordo come centrale, con le mezzali Magnanelli, giocatore di grande dinamicità e intensità con me a San Marino due stagioni fa, e l’ex cesenate e capitano della Primavera Meyk Yabré, giocatore che purtroppo non ha mai raggiunto la consacrazione meritata per l’impegno dimostrato nelle giovanili bianconere, bloccato da un brutto infortunio in un momento dedicato. Le alternative sono Marco Sassaroli e Guido Parasecoli.

In attacco troviamo i giocatori più qualitativi a cominciare da Riccardo Pierandrei, buon attaccante con già diversi campionati all’attivo e autore lo scorso anno di 8 gol, Trudo, giocatore francese anche lui da diverso tempo a Jesi forte di gamba e progressione, e il già citato Cameruccio, rapido e bravo nell scontro uno contro uno e dotato di buoni spunti in qualsiasi momento della gara. Da segnalare anche l’attaccante croato Ivan Bubalo, forte fisicamente, proveniente dal campionato croato dopo esperienze nella serie B islandese e nei dilettanti svizzeri.

L’ambiente di Jesi sarà sicuramente bello caldo vista: la struttura è molto vicina al campo di gioco e i tifosi locali sono attaccati alla porta.

PROBABILE FORMAZIONE JESINA (4-3-3) David; Fracassini, Riccio, Nonni, Martedì; Magnanelli, Ceccuzzi, Yabré; Trudo, Pierandrei, Cameruccio. All: Ciampelli.