Parola di mister Medri #18: Castelfidardo

Mister Filippo Medri, settimana dopo settimana, ci racconta le avversarie
16.12.2018 08:00 di Filippo Medri  articolo letto 1226 volte
Solomon Enow
Solomon Enow

Il Castelfidardo viene da una discreta stagione passata conclusasi con un 11esimo posto con un girone di ritorno importante.
Quest’anno la guida tecnica era stata affidata a Luca Pazzaglia tecnico marchigiano che, purtroppo, visti gli scarsi risultati ha dovuto abbandonare la panchina, per essere sostituito dal tecnico della scorsa stagione Roberto Vagnoni: nel periodo iniziale della nuova gestione i risultati sono stati positivi ma hanno poi subito un calo inarrestabile, con tre sconfitte consecutive, qualificandola come una delle squadre meno in forma del campionato.

Il modulo di gioco non è sempre lo stesso: nel corso del campionato i marchigiani hanno variato giocando sia con la difesa a 4 che a 3, tenendo un centrocampo spesso con un vertice basso e l’utilizzo di un giocatore a supporto, con un’unica punta o con due punte .

In porta troviamo il classe 2000 Alessandro Barbato, con i pregi e i difetti di un portiere della sua età: alterna buone cose, ma anche qualche incertezza e questo è un primo fatto da tenere in considerazione.
I difensori centrali sono Mattia Giovagnoli, Andrea Bellucci al suo primo anno a Castelfidardo e Solomon Enow, camerunense scoperto dalla Samp e passato anche per lo Spezia: tutti sono poco dinamici e macchinosi. Strutturati sulle corsie esterne possono esserci Emanuele Lombardo o Davide Candolfi a destra e Nando D’Ercole o Lorenzo Massi a sinistra.

In mezzo al campo il vertice basso potrebbe essere Lucio Boris Di Lollo appena arrivato dal Notaresco supportato dalle mezzali Luca Pigini e Alessio Bracciatelli, o Massimiliano Trillini se non gioca a ridosso della punta. In squadra è presente anche l’ex Cesena Mirco Severini, promessa fino adesso non mantenuta, fermato quest’anno da qualche infortunio – e da noi intervistato ieri –, con davanti gli attaccanti Antonio Calabrese e Luca Rivi – arrivato dall’Eccellenza ed efficace nell’andare ad attaccare la profondità con grande agonismo.

Ci sono state lacune nella costruzione del Castelfidardo questa estate, ma il mercato invernale può mettere in discussione tutto: mai abbassare la guardia, soprattutto in partite sulla carta abbastanza scontate.

PROBABILE FORMAZIONE (4-3-1-2) BarbatoLombardo, Giovagnoli, Enow, Candolfi; Pigini, Di Lollo, Calabresi; Trillini; Petrarulo, Rivi. All: Vagnoni.