Parola di mister Medri #14: Campobasso

Mister Filippo Medri, settimana dopo settimana, ci racconta le avversarie
25.11.2018 11:30 di Filippo Medri  articolo letto 970 volte
Franco Da Dalt
Franco Da Dalt

Il Campobasso viene da un’estate burrascosa, con diversi problemi societari, ma in extremis è riuscito ad iscriversi al campionato di serie D grazie anche all’aiuto dei tifosi e a un gruppo finanziario di Londra, affidando la squadra a Bruno Mandragora. Mandragora dopo 10 giornate è stato esonerato e al suo posto è arrivato Massimo Bagatti, noto per aver costruito il miracolo Correggese tre anni fa, portandolo a sfiorare la Lega Pro.

La rosa è stata cambiata completamente rispetto allo scorso campionato ad eccezione di capitan Ciro Danucci, ex bianconero che nella stagione 2007 ha mutuato 3 presenze all’attivo in serie B.
In porta troviamo l’under 2001 Alex Sposito con una buona struttura fisica e particolarmente sveglio, con la linea difensiva a quattro composta in alternanza dai centrali Raffaele D’Orsi o l’esperto Giuseppe Allocca e Domenico Marchetti o Alberto Di Pierri, tutti ben strutturati ma particolarmente in difficoltà su ripartenze rapide, con i terzini Michele Spinelli o Niko Tommasini a destra, con atteggiamento particolarmente difensivista, e Luigi Del Prete o Kevin Magri a sinistra, potente e molto alto, ma macchinoso.

Il centrocampo è guidato da Danucci, metronomo bravo nel palleggio ma non eccessivamente dinamico, con le mezzali under Leonardo Merio o Francesco Antonellim dinamici e propensi all’inserimento, con alternative Ndiaga Seck o Ousmane Diop, entrambi di buona struttura e forza. Poi abbiamo Franco Da Dalt, giocatore che può ricoprire più ruoli del centrocampo a seconda del modulo scelto e può giocare o esterno in un centrocampo a 4 o dietro le punte: è . il più versatile della squadra ed è dotato di buona tecnica e abilità nell’1 contro 1 .

Davanti ci sono diverse opportunità, a cominciare da Mirko Giacobbe, buon lottatore e molto abile nei calci piazzati; Pietro Cogliati, più rapido e scattante, il polacco Piotr Branicki, molto forte fisicamente abile nel gioco di sponda; l’esperto Giancarlo Improta, giocatore di categoria con diversi gol all’attivo, anche lui piu scattante.

È una squadra che con l’avvento Bagatti proverà a ritrovare serenità e, conoscendo il mister, proverà a trovare i risultati attraverso il gioco manovrato e qualitativo.
Sicuramente sono una squadra con parecchi problemi in questo momento e il Cesena dovrà in tutti i modi portare a casa i 3 punti.

PROBABILE FORMAZIONE (4-3-1-2) Sposito; Spinelli, Marchetti, Allocca, Del Prete; Merio, Danucci, Seck; Da Dalt; Cogliati, Giacobbe. All: Bagatti.