Leonetti: “L’intesa con il Cesena era raggiunta”

Il bomber degli abruzzesi nel consueto appuntamento con gli avversari della domenica ricorda il flirt invernale col Cavalluccio.
12.04.2019 18:00 di Patrick Lavaroni   Vedi letture
Vito Leonetti, Vastese
Vito Leonetti, Vastese

Vito Leonetti, bomber della Vastese classe 1994, sfida al rientro dalla squalifica un Cesena privo del “collega” Ricciardo. L’attaccante con un passato in B a Bari resta concentrato sulla salvezza degli abruzzesi ma ricorda bene come a dicembre nel mercato di riparazione il bianconero per poco non diventasse il colore di casa.

Leonetti, che aria tira a Vasto?
“Dai, non siamo partiti col piede giusto, c’è stato un periodo sfortunato in cui ci girava tutto male. Abbiamo cambiato il primo mister, poi anche al secondo è successo lo stesso, adesso con il terzo allenatore abbiamo ritrovato la compattezza giusta dietro, ora stiamo crescendo”

A livello individuale come sta andando?
“Rispetto all’anno scorso ho fatto qualche gol in meno, domenica tornerò in campo dopo 4 giornate di squalifica. Spero di fare una buona prestazione, sempre se il mister deciderà di mettermi in campo”

Prima di Vasto dove ha giocato?
“Ho iniziato a Bari, esordendo in B in nell’annata fallimentare, se non ricordo male era il 2012-13. Poi sono sceso in C: Savoia, Akragas, 6 mesi al Lumezzane e 6 alla Reggina e infine da 2 anni sono qua alla Vastese”

Sempre con la valigia in mano. Per poco a dicembre non aggiungeva Cesena al suo curriculum, ce lo conferma?
“L’offerta c’è stata, ma le due società non sono riuscite a raggiungere l’intesa. Con me l’accordo c’era ma purtroppo le due società non si sono trovate”

Crede si tratti di un’occasione persa?
“Sono treni che non arrivano sempre nella vita, ma sono anche delle dimostrazioni dell’ottimo lavoro fatto da parte mia e della squadra intera che mi ha permesso di fare 14 gol. Per me sarebbe stata una chance importante, ma pazienza, vado avanti e continuo a lavorare, alla fine si vedranno i frutti”

Classica chiosa finale con vista sulla gara di domenica.
“Ci aspetta una gran bella partita con un ritmo alto. Noi dobbiamo ancora salvarci, ci manca la matematica quindi la gara sarà importantissima. Il Cesena dovrà temere proprio quella compattezza che finalmente abbiamo ritrovato”