GLI ALTRI | La Salernitana fiorisce con Rosina

I granata pareggiano i conti grazie a una prodezza su punizione del loro fantasista.
 di Francesco Mondardini  articolo letto 937 volte
Rosina, numero 10 granata.
© foto di Dario Fico/TuttoSalernitana.com
Rosina, numero 10 granata.

RADUNOVIC 6,5 Sul gol di Moncini, non può far altro che osservare il pallone entrare in rete. Bravo a respingere la punizione di Schiavone, che poteva significare raddoppio e partita chiusa. Lucido nel riuscire a intercettare i cross bianconeri, anche i più velenosi. TUTELANTE

CASASOLA 6,5 A destra, con la complicità di Rosina, costruisce una catena pericolosa e difficilmente gestibile dal Cesena. In difesa, però, è davvero impreciso. Sul gol di Moncini, resta a guardare. È un Giano bifronte: in attacco guizzante, tonico; dietro, da infarto secco. Dai tanti cross che confeziona nell'arco della gara, nasce la buona parte delle occasioni offensive granata. Soffre tanto le scorribande di Dalmonte che nello stretto è più rapido. ALTALENANTE

TUIA 5,5 Rischia tantissimo, quando atterra Moncini al limite dell’area. Nel secondo tempo si trasforma nel più accorto dei difensori, rischiando poco, addirittura meno del dovuto. Ritarda un po’ i rilanci, si accontenta di depositare la palla in fallo laterale. COMPITINO

MONACO Al centro dell’area, è una diga. Arpiona palloni vaganti, anche quando non sarebbero di sua competenza. Tiene in piedi la baracca anche quando la sua squadra è sbilanciata ed è tutto un contropiede in favore dei romagnoli. EQUILIBRATO

VITALE 6 Agisce a sinistra, in una zona di gioco anestetizzata. Nel primo tempo, vede transitare un paio di palloni... Da lontano. Dopo l’intervallo, diviene preziosa cerniera difensiva. ATTENTO

MINALA 6 Si muove tanto senza palla, ma viene servito poco dai compagni. Favorisce il giro palla, più che accelerarlo. Un po’ macchinoso quando si tratta di rompere gli equilibri offensivi. REGOLARE (Dal 76' ODJER 6 Entra per fare gol. Ma non ci riesce. TENTATIVO)

RICCI 5,5 Molto pressato dai mediani romagnoli, per alcuni, lunghi tratti della partita combatte per ricavarsi un po’ di spazio al centro del campo. È marcato, ma marca poco, e la cosa non va bene. Meglio nella ripresa. STRETTO

KIYINE 6 Viene costantemente richiamato all’ordine da Colantuono, ma è il primo ad accendere la partita con un diagonale velenoso che scheggia il palo cesenate. Il belga-marocchino è rapido, sa inserirsi bene, ma pecca di esuberanza nelle ripartenze. DA TROVARE LA TARA

ROSINA 7,5 Comincia un duello d’onore con Fulignati, tentando in ogni modo di superarlo. Tira a ripetizione: al 18' tenta la girata in area. Al 20' prova il lob a scavalcare il portiere. Al 25', rasoiata a fil di palo. E così via, fino al momento del suo gol. Segue uno spirito individualista, ed è impreciso nei suggerimenti ai compagni. Ottima gamba, nel secondo tempo sembra non soffrire la gravità quando sale e scende per il campo da gioco. Magistrale la punizione con cui pareggia i conti del match. CECCHINO

BOCALON 5 Dialoga frequentemente con Rosina, facilitando la manovra offensiva dei granata. Alla mezzora ha un'occasione enorme, ma a tu per tu con Fulignati si fa ipnotizzare. Altro errore clamoroso, quando colpisce debolmente di coscia un suggerimento di Casasola che mancava solo di essere accompagnato in rete. RIVEDIBILE (Dal 56' ROSSI 6 È un innesto di gamba, l’ex laziale. Ma tecnicamente deve ancora crescere. IN ATTESA)

SPROCATI 5,5 È l’attaccante più defilato, troppo defilato. Nel trio d'attacco campano, non rientra quasi mai nel vivo dell'azione. Normale, quindi, che venga sacrificato all'intervallo. (Dal 46' PALOMBI 6 Va a caccia degli spazi, anche se non è facile sorprendere la difesa cesenate su azione in movimento. ARGINATO)

 

COLANTUONO 6 Agitatissimo, fin dalle prime battute del match. Viene allontanato a fine partita, ma la sua squadra regge anche senza il suo... COMANDANTE