Carlo Pellegatti: “Che bel Cesena! Serie B diretta? Avete un girone tosto…”

A tu per tu con il giornalista ‘targato’ Milan: “Contro il Diavolo avete fatto un partitone: potete guardare alla trasferta di Carpi con ottimismo. Il Manuzzi mi fa venire in mente Borgonovo…”
18.08.2019 12:00 di Flavio Bertozzi   Vedi letture
Carlo Pellegatti: “Che bel Cesena! Serie B diretta? Avete un girone tosto…”

Passano gli anni ma, Carlo Pellegatti, resta un mito vivente. Anche per quelli che, come me, non nutrono certo una grande simpatia né per il Diavolo né per il Professor Marco Giampaolo da Bellinzona.

Pellegatti, che Cesena ha visto sabato sera al Manuzzi?
“Un Cesena grintoso, aggressivo. Un Cesena ben messo in campo da Modesto. Un Cesena che ha saputo sfoderare intensità, velocità di manovra e pure ampi sprazzi di bel gioco”.

Il calcio d’agosto sa regalare solo emozioni di plastica...
“Epperò, col Milan, i bianconeri hanno fatto davvero una gran partita. Fra Milan e Cesena ci sono pur sempre due categorie di differenza….”.

Secondo lei i romagnoli possono dunque puntare anche alla B diretta?
“Questo non lo so, su tale fronte non voglio e non posso sbilanciarmi. Anche perché, il girone dove siete capitati, mi pare bello tosto (Vicenza, Triestina e Padova partono con i favori del pronostico, ndc). E voi siete pur sempre una matricola…”.

E di questo scialbo Milan sbarcato in Riviera che ci dice?
“A Cesena ho visto un Milan deludente. Un Milan che ha fatto un netto passo indietro rispetto alle ultime uscite. Se fossi stato al posto di Giampaolo al Manuzzi avrei schierato Kessie e Paquetà dall’inizio, ma ora è meglio voltare pagina. Una certezza: se voi potete guardare alla trasferta di Carpi col sorriso sulle labbra, noi di certo non possiamo fare altrettanto in vista del nostro debutto ad Udine…”.

Lo stadio Manuzzi le ricorda più il ko ‘targato’ Sacchi del 1989 o la disfatta ‘griffata’ Allegri del 2010?
“Al gol di Holmqvist e a quell’uno-due ‘regalato’ da Bogdani e Giaccherini preferisco non pensare. Piuttosto, il Manuzzi, a me ricorda soprattutto una nostra splendida vittoria per 3-0 raccolta la prima giornata della stagione 1989-90. Quella domenica segnò anche Borgonovo (gli altri due gol furono realizzati da Stroppa e Massaro, ndc)”.

Chiudiamo con il capitolo Scudetto: Juventus ancora fuori portata?
“La Juve resta la favorita numero uno, ma Inter e Napoli potrebbero provare a fare lo scherzetto. Vediamo adesso cosa succede in questi ultimi giorni di mercato: c’è più di un big con le valigie pronte. E se Ancelotti riesce a portarsi a casa in extremis Icardi…”.