LE PAGELLE DEL FROSINONE - I Ciofani dietro la lavagna, deludono in tanti

 di Michele Neri  articolo letto 3555 volte
LE PAGELLE DEL FROSINONE - I Ciofani dietro la lavagna, deludono in tanti

BARDI 6 Risponde bene a Scognamiglio e a Jallow. Sul 3-3 non è esente da colpe.

BRIGHENTI 6 Gioca un tempo e briciole della ripresa. Nulla da ricordare, né in negativo né in positivo. (SODDIMO 6,5 Porta brio e idee. Invita Maiello ad un rigore in movimento, fallito, e timbra il momentaneo vantaggio. Come Ivan Graziani al suo caro Barbarossa “No, non è colpa mia”)

RUSSO 5 Mai troppo coraggioso. Quando si alza la velocità del giro palla cesenate non sa dove posizionarsi. Minuto 83, guardare per credere.

KRAJNC 5 Pieno di sé, senza apparenti motivi. Da una palla persa il vantaggio bianconero. Come se non bastasse alla mezz’ora dimentica Scognamiglio. Nulla conta se vince tanti duelli aerei, su quello ha il monopolio.

M.CIOFANI 4,5 Si fa sovrastare da Laribi...da Laribi! In fase offensiva è piuttosto generoso: regala due palloni alla curva, uno allo zio, tre o quattro agli steward e dopo 77 giri di orologio finalmente uno anche al fratello. Daniel non concretizza, ma c’è Soddimo.

MAIELLO 5 Non conosce la parola “intensità”: le frecce bianconere lo trafiggono puntualmente nelle ripartenze. Si salva per i piedi, da sempre discreti cantautori.

GORI 6,5 Tra i migliori del primo tempo, e mica solo per l’assist a Beghetto. Tiene alto il ritmo e il nervosismo. Quando esce, si percepisce un vuoto lì in mezzo. (MATARESE 4,5 Perché dare “4” ad un ragazzino del ‘98 è ignobile quanto l’arbitraggio di Pillitteri.)

BEGHETTO 5 Birillo in difesa quanto valore aggiunto in attacco. Insufficiente perché un piccolo uomo.

CIANO 6 Un tiro velenoso in apertura, una punizione meno imprendibile del solito, e poco altro. Camillo sei meglio di così, eppure ci manchi come il buonsenso alle donne.

DIONISI 6 Festeggia il primo sigillo nel nuovo stadio con un rigorino. Senza il favore, avrebbe dovuto aspettare almeno sabato prossimo. (CITRO 5,5 Autore di ben poco.)

D.CIOFANI 5 Falloso, iroso, spesso solo tra cannibali. Tocca pochi palloni, e uno di questi sarebbe stato meglio non toccarlo.

 

ALL.LONGO 4,5 Il Frosinone è fragile. E Moreno molto insicuro, desideroso di vincere in fretta, e per questo peccatore. Se i tre davanti non girano, i ciociari sono poca roba. La soluzione non può essere un inesperto Matarese divorato dai famelici bianconeri, e nemmeno Citro. “I conti si fanno a Marzo” aveva detto nel pre, con tutta la ragione del mondo. Oggi però giocando in 11 e mezzo ha pareggiato. Altrimenti...