Il dolore di Castori: "Non pensavo potesse finire male"

30.07.2018 08:30 di Redazione TUTTOCesena  articolo letto 3202 volte
Fonte: Tuttomercatoweb
© foto di DiLeonforte/TuttoCesena.it
Il dolore di Castori: "Non pensavo potesse finire male"

Tuttomercatoweb ha intervistato in esclusiva l'ex tecnico del Cesena Fabrizio Castori, rimasto senza squadra dopo il fallimento del vecchio Cavalluccio "Per me è un grande dolore - attacca il tecnico marchigiano, idolo della tifoseria bianconera - Cesena è una piazza favolosa, di grande livello in Serie B come affluenza di pubblico, cultura, storia, passione e numero di spettatori. Durante il campionato ci era stato detto dalla proprietà che salvandoci avremmo ottenuto anche la salvezza fuori dal campo per poter garantire il posto di lavoro a tanti dipendenti oltreché ai calciatori. Salvarci era un obiettivo tecnico ma anche una sorta di impegno morale. Pensavo che le difficoltà potessero essere superate. Sono molto dispiaciuto, davvero".

Guardando indietro, alla storia recente del Cesena, Castori parla ancora da cesenate: "Siamo stati sempre trampolino di lancio per tanti calciatori giovani. Da Giaccherini a Ciaramitaro, Biondini, Ferreira Pinto e tanti altri. Non pensavo potesse finire male. Quel che abbiamo fatto la scorsa stagione resta un’impresa straordinaria da parte dei calciatori e del direttore Foschi. Le difficoltà ci hanno unito. Siamo stati bravi a fare gruppo. Preferisco parlare dell’impresa e non dell’epilogo".

"Il calcio è la mia vita, il mio lavoro - chiude Castori guardando al futuro - È la mia passione. Ora aspetto il momento giusto per rientrare".