Ricciardo: “Ho detto no alla serie C: voglio rimanere in Romagna!”

A tu per tu con il bomber bianconero: “Ho rispedito al mittente anche l’offerta arrivata dai miei amici della Sicula Leonzio, ora però aspetto una mossa da parte della società bianconera... ”
21.01.2019 19:00 di Flavio Bertozzi  articolo letto 4085 volte
#GR9
© foto di Francesco Di Leonforte/TuttoCesena.it
#GR9

Grinta. Cuore. Umiltà. E, soprattutto, gol. Gol pesanti. Gol mai banali. Gol che fanno la storia. Gol che, giornata dopo giornata, stanno avvicinando sempre di più la corazzata Cesena alla serie C. Signori e signore, ecco a voi Giovanni Ricciardo.

Ricciardo, domenica a San Mauro Pascoli avete lanciato un altro segnale importantissimo.
“Non si può sempre vincere e convincere. In questo derby, per lunghi tratti, abbiamo sofferto parecchio le folate offensive della Sammaurese. Prima di chiudere la gara con il gol di Fortunato abbiamo rischiato più volte di subire il pareggio. Però, di riffa o di raffa, siamo sempre riusciti a salvarci. Ed è questo quello che conta. Sono proprio queste le vittorie che dimostrano che una squadra è matura... ”.

Al Macrelli è arrivato il suo tredicesimo sigillo stagionale. Da qui a maggio punta ad arrivare a quota 20 gol?
“Ve lo giuro, a questo traguardo non ci penso minimamente. Per ora voglio solo godermi questo mio momento speciale, questo Cesena primo in classifica. In testa ho soltanto un obiettivo: andare in serie C, chiudere il prima possibile questa pratica promozione. Non me ne frega niente se siamo reduci da otto vittorie consecutive, se il Matelica è dietro di dieci punti: nel calcio non si può mai dare nulla per scontato. Datemi la C. E poi, ve lo giuro, parleremo anche dei miei obiettivi personali... ”.

Un uccellino ci ha detto che lei, recentemente, ha ricevuto una proposta allettante da un club di C.
“Prima di Natale mi avevano già cercato Como, Avellino e Siracusa. Una decina di giorni fa, invece, mi ha chiamato direttamente il diesse del Sicula Leonzio. A Lentini ci ho già giocato due anni fa: con loro ho segnato 15 gol e vinto la D con addosso la fascia da capitano. Mi hanno offerto un bel contratto fino al 30 giugno 2020. Io però, ad andare via da Cesena, non ci ho pensato nemmeno un secondo. Ho subito rispedito l’offerta al mittente. Anche se sono ancora in D. Anche se il mio contratto col Cesena scade fra 5 mesi... ”.

Se lo chiedono in tanti: ma cosa aspettano Pelliccioni & Company a rinnovarle il contratto?
“Anche io e il mio entourage stiamo aspettando con ansia questo prolungamento: la società bianconera sa bene che io voglio a tutti i costi rimanere in Romagna. Qui a Cesena mi trovo divinamente, dentro e fuori dal campo. Qui a Cesena vorrei provare a costruire qualcosa di importante anche in serie C. Vediamo quello che succede nelle prossime settimane. Io sono relativamente tranquillo. Ora è il Cesena che deve fare la prima mossa... ”.

La gente le vuole bene anche per la sua semplicità. Domenica, il gesto di regalare quella maglietta a quel bambino, è stato apprezzato da tutti.
“Sabato scorso durante la rifinitura a Villa Silvia si è presentato, accompagnato dal padre, un bambino con in mano un cartellone con su scritto ‘Ricciardo facci sognare’. Quello stesso bambino mi ha chiesto una mia maglia e mi ha anche detto che sarebbe venuto a vedere il derby del Macrelli proprio con quel cartellone. Così, finita la partita, sono andato sotto la tribuna centrale a…cercarlo con lo sguardo. Appena ho visto questo mio piccolo tifoso gli ho subito fatto recapitare quella maglia che tanto desiderava”.