Ricciardo, futuro in bilico: "Aspetto e…spero. E su Angelini e Modesto…”

Il bomber si confessa: "Su Instagram ho salutato ‘solo’ i miei compagni. Mi cercano tante squadre, ma io voglio restare qui. Di solito un allenatore che vince viene confermato..."
01.06.2019 20:00 di Flavio Bertozzi   Vedi letture
© foto di Francesco Di Leonforte/TuttoCesena.it
Ricciardo, futuro in bilico: "Aspetto e…spero. E su Angelini e Modesto…”

Da una parte c’è la gioia. L’estasi. La consapevolezza di aver fatto qualcosa di grande. La voglia di...vacanze. Dall'altra c’è però anche la tensione, che sale ora dopo ora. Quell’ansia che ti mangia da dentro. La paura di perdere tutto, all'improvviso, ingiustamente. Strano mondo, quello della pedata: Giovanni Ricciardo, in questa lunga ed estenuante stagione, con i suoi gol (venti! Mica cinque!) ha portato il Cesena in serie C ed ora, pur di rimanere in riva al Savio, sarebbe pronto a dire di no a diverse succose offerte già arrivate sul tavolo del suo entourage. Eppure, a quasi un mese dalla fine della regular season di D, il futuro dell'attaccante siciliano è ancora (pericolosamente, vergognosamente) tutto da scrivere. Tutto da decifrare.

Ricciardo, per lei in questa stagione sono arrivati 20 gol e tanti applausi: impossibile fare meglio. "Annata fantastica, sì. Forse irripetibile. Ma a dirla tutta...si poteva fare anche qualcosina di più. Fra infortunio e squalifica sono stato fuori una decina di giornate. Tanto, troppo...".

Subito il domandone: ma Ricciardo resterà ancora in Romagna oppure sarà clamorosamente segato dal Cavalluccio?  "Io quello che dovevo fare l'ho fatto. Diverse squadre mi stanno cercando insistentemente (Matelica e Modena hanno già presentato due offerte da urlo, poi sul bomber ci sono anche Mantova, Pergolettese e altri due club del sud di serie C, ndr). Ma a Cesena ormai tutti, muri compresi, sanno che io voglio rimanere qui. Vediamo ora quello che succede. La prossima settimana, chi cura i miei interessi (Angelo Rea, ndr), incontrerà la società…".

Intanto però, il suo post apparso nelle ultime ore su Instagram, profuma di addio. "Quello non è assolutamente un messaggio di addio ma, più semplicemente, un post con cui ho voluto 'fermare un attimo' e ringraziare tantissimi compagni di squadra che, comunque vada, il prossimo anno non saranno più al mio fianco...".

Il suo grande estimatore Angelini è stato 'gentilmente' scaricato dal club bianconero… "Di solito un mister che vince un campionato viene  riconfermato ma ora non voglio assolutamente entrare nel merito di tale decisione presa dalla società. Una cosa è certa: Angelini, portando il Cesena in C al primo colpo, riuscendo a dribblare ciclicamente problemi e polemiche spesso gratuite, ha fatto un ottimo lavoro".

Sulla panchina del Cesena sta per sedersi Francesco Modesto. Che è un ex Rende proprio come lei.  "Lui la scorsa stagione a Rende allenava la Berretti e così, al campo, l'ho incrociato diverse volte. Lo conosco poco ma i miei ex compagni che sono rimasti a Rende mi hanno detto che, nonostante la sua giovane età, Modesto è un mister bravo e preparato. Un allenatore con le idee chiare".

Ci dica la verità: a cosa sta pensando in questo preciso istante? Magari al Modena o al Matelica?  "No, lo giuro. Sto pensando solo alle vacanze. Alla mia Sicilia. Il 5 parto e torno al mio paese. Sarebbe così bello se potessi mettere in valigia anche il mio nuovo contratto col Cesena. Io aspetto. E spero…”.

La verità è che, ad oggi, la distanza fra offerta e domanda, è elevatissima. Ricciardo & Company sono pronti a venire incontro al buon Pelliccioni. Che però, a disposizione, ha un budget davvero al…risparmio. Come finirà questa telenovela in salsa siculo-romagnola? E come finirà anche l’altra (simile, praticamente identica) telenovela che vede come protagonista l’altro grande superbig bianconero che risponde al nome di Danilo Alessandro? Occhio che, sul talentuoso attaccante romano (per lui, quest’anno a Cesena, 18 sigilli e una vagonata di assist…) sono in forte pressing la Recanatese, il ‘solito’ Modena e altri 5-6 club col portafoglio…pieno. Tempi duri, in riva al Savio. Durissimi. E dove sta la novità?