Rebus gironi Serie D: il Cesena guarda a sud

30.07.2018 20:15 di Marco Manuzzi  articolo letto 5719 volte
© foto di Sarah Furnari/TuttoLegaPro.com
Rebus gironi Serie D: il Cesena guarda a sud

Ancora tutta da scoprire la cartina geografica bianconera dei prossimi 10 mesi. Emilia o Abruzzo... La normativa direbbe Emilia, ma i segnali dal palazzo sembra andare in segno contrario. Il Campionato di Serie D si articola su 9 gironi composti da un minimo di 18 ad un massimo di 20 squadre. L’inserimento delle squadre all’interno dei gironi avviene su base geografica regionale ma non sono escluse eccezioni o redistribuzioni.

Nella stagione che va cominciando RC Cesena si vedrebbe teoricamente inserito nel girone D a seguito dell'iscrizione con il titolo sportivo del Romagna Centro. Con la retrocessione del Santarcangelo e le quattro promozioni dall'eccellenza il girone storicamente emiliano-romagnolo raggiungerebbe la quota massima di 20 squadre. L’iscrizione in sovrannumero del Modena e quella sempre più probabile della Reggiana cambieranno giocoforza gli equilibri, anche se è difficile dire come. Il potenziale ripescaggio di Santarcagelo e Imolese, la probabile separazione di emiliane e romagnole in diversi gironi e l'ancora incerto esito del procedimento a carico dell'Avellino con annesso domino di vacanze d'organico sono tutti elementi che non permettono di fare previsioni. Di fatto deciderà la politica e la giustizia sportiva.

Voci ben accreditate riportano l’intenzione di FIGC e LND di dirottare tutte o parte delle squadre romagnole aventi diritto (Santarcangelo, Forlì, Savignanese, Sammaurese e RC Cesena) nel girone F, quello che da due stagioni ospita il San Marino Calcio assieme alle compagini marchigiane ed abruzzesi e che ha visto la defezione dell’Aquila Calcio dopo la fine del campionato. In questo modo si faciliterebbe anche la gestione dell’ordine pubblico, evitando diverse trasferte sensibili nel modense e bolognese alla tifoseria bianconera. Molto remota ma non impossibile la presenza nel girone F anche di Bitonto, Cerignola e del nuovo Bari.

Alla data di oggi la Lega Dilettanti non ha ancora emanato alcun documento ufficiale sui gironi del prossimo campionato ed ovviamente manca anche la data in cui verranno sorteggiati i calendari. Domani la Co.Vi.SoD si esprimerà sui ricorsi delle escluse dalla D e il Collegio di Garanzia del Coni deciderà il futuro degli Irpini. Il primo agosto la Corte Federale d’Appello è chiamata a dirimere il conflitto che vede Figc, Ternana, Siena e Pro Vercelli contro il Novara per la corsa al ripescaggio in B in luogo di Cesena e Bari.