Modesto non teme la ‘trappola’ Rimini. Intanto Ricciardo…

Le tante incognite del Rimini non condizioneranno le scelte del mister che deciderà la formazione solo dopo la rifinitura. Intanto, dopo Alessandro, anche Ricciardo si è ‘accasato’.
03.08.2019 20:30 di Bruno Rosati   Vedi letture
Modesto non teme la ‘trappola’ Rimini. Intanto Ricciardo…

È finalmente giunto il momento delle partite ufficiali. Da domani si comincia a fare sul serio, dopo i vari test contro squadre di livello inferiore, propedeutici ad arrivare preparati agli impegni di Coppa Italia e campionato.
Mister Modesto appare molto carico in vista di questa gara: “Finalmente dopo venti giorni di duro lavoro cominciano le sfide contro avversari di categoria. Lo stadio sarà pieno, è un derby al quale tengono tutti, dai tifosi ai soci e il presidente. I giocatori sono consapevoli delle aspettative che la gente ripone su di loro e non vedono l’ora di scendere in campo. Vogliamo vincere e prenderci i tre punti per poter proseguire nella competizione”.
Su chi verrà schierato dal primo minuto, Modesto deve sciogliere ancora alcune riserve: “Deciderò dopo la rifinitura di domani mattina. Solo Ricci è sicuro del posto perché in settimana Ciofi ha avvertito un piccolo fastidio alla caviglia e non è al meglio”. Valeri sembra favorito su Cortesi per il ruolo di esterno sinistro e in attacco è quasi certa la titolarità di Butic (Sarao potrebbe debuttare nel corso della gara).

Per un gruppo nuovo, che si allena assieme da circa un mese, c’è ancora tanto da mettere a punto. Non è scontato trovare sin da subito la sintonia ideale e le partite di inizio stagione spesso e volentieri sono delle ‘prove d’urto’ per verificare a che punto del lavoro si è arrivati, per comprendere se eventualmente qualcosa dev’essere rivisto. Quella di domani è però una partita molto sentita da entrambe le parti e in questo momento ad avere tutto da perdere è il Cesena . D’altra parte, il Rimini sta vivendo un inizio di stagione a dir poco caotico, si è da poco concluso un passaggio di quote societarie dopo diversi tentativi andati a vuoto. Direttore sportivo e allenatore sono già stati cambiati e la rosa è ancora in piena fase di allestimento, mentre sul fronte bianconero l’organico appare già ben definito. Modesto preferisce non farsi sopraffare da questi pensieri, senza perdere tempo su cosa si stia vivendo in casa d’altri: “Non vedo a quali rischi potremmo andare incontro. Gli errori possono capitare, nel calcio come nella vita. Abbiamo preso giocatori che vantano grande esperienza in questa categoria e in quelle superiori proprio per aiutare chi è meno esperto ad approcciare a questi impegni. Ma anche se qualcosa dovesse andare storto domani, non dobbiamo farne un dramma. La Coppa Italia servirà a prepararci per il grande campionato che vogliamo disputare”.

Nel frattempo, anche Gianni Ricciardo è riuscito a trovare squadra. Come Danilo Alessandro, Ricciardo ripartirà da una piazza del sud, con un contratto a dir poco invidiabile. La prossima settimana firmerà per il Palermo, percepirà circa centomila euro (bonus compresi). Dopo Cesena, ecco quindi un’altra grande piazza da far tornare grande per l’ariete messinese, proprio nella sua Sicilia.