Il Cesena è primo fra le nobili decadute

La banda di Angelini viaggia a quasi 2,40 punti a partita, meglio di Avellino e Modena. E il Bari...
06.02.2019 17:30 di Marco Manuzzi  articolo letto 2679 volte
© foto di Francesco Di Leonforte/TuttoCesena.it
Il Cesena è primo fra le nobili decadute

Due terzi di campionato sono passati in archivio e se ad ottobre il Cesena aveva raccolto meno di tutte le altre big presenti in quarta serie oggi la situazione è capovolta. I gironi sono differenti per caratura e numero di squadre, è vero, ma i 60 punti in 25 gare raccolti dal Cesena - per una media di 2,40 - valgono il terzo posto assoluto in Serie D.  Meglio fanno solo Lecco e Mantova, prime della classe nei gironi A e B, con medie punti superiori a 2,50.

Le altre grandi. Il Modena dopo un avvio schiacciante ha ceduto il primato alla Pergottolese, raccogliendo solo quattro vittorie da inizio dicembre. Alberto Bollini ha rilevato l'esonerato Apolloni ed attualmente i canarini sono a -4 dalla vetta con 46 punti dopo 22 giornate (2,09). Ancora peggio sta facendo l'Avellino, quinto in graduatoria a dieci lunghezze dalla capolista Lanusei. Dopo l'esonero di Graziani la società ha ripiegato su Bugaro nonostante la piazza chiedesse a gran voce il ritorno di Walter Novellino, contestato non più tardi di 11 mesi fa. Complessivamente i lupi viaggiano a 1,8 punti di media. Nel girone I primo posto ancora saldamente nelle mani del Bari nonostante le due sconfitte su cinque gare effettuate in questo avvio di 2019. I galletti procedono alla stessa velocità dei bianconeri di Romagna - 2,36 punti a gara - e godono di un rassicurante +9 sulla Turris che però ha una gara da recuperare con l'ultima in classifica. Dovesse vincere, il Cesena diverrebbe la capolista con maggior vantaggio assieme al Lecco: dopo la vittoria odierna del Matelica - 1-0 in casa contro il Pineto - sono infatti 8 le lunghezze che separano i bianconeri dai marchigiani. Davvero non male rispetto lo scenario di ottobre.