Cesena-Pro Vercelli 2-2 I Pro... blemi di testa

La diretta testuale del nostro amato Cavalluccio.
06.03.2018 17:50 di Redazione TUTTOCesena  articolo letto 11039 volte
© foto di DiLeonforte/TuttoCesena.it
Cesena-Pro Vercelli 2-2 I Pro... blemi di testa

Cesena (4-4-1-1): Fulignati; Donkor (41' st Esposito), Suagher, Scognamiglio, Perticone; Kupisz, Schiavone, Di Noia, Vita (41' st Cacia); Dalmonte (31' st Chiricò); Jallow. All.: Castori. A disp: Agliardi, Melgrati, Eguelfi, Chiricò, Cacia, Moncini, Fedele, Ndiaye, Emmanuello. All: Castori

Pro Vercelli (3-5-2): Pigliacelli; Konate (1' st Alcibiade, 25' st Berra), Gozzi, Bergamelli; Ghiglione, Altobelli (17' st Da Silva), Paghera, Castiglia, Mammarella; Raicevic, Reginaldo. A disp: Gilardi, Marcone, Berra, Kanoute, Germano, Morra, Vives, Gatto, Pugliese, Jidayi All: Grassadonia.  

ARBITRO: Daniele Chiffi di Padova Assistenti: Rossi di Rovigo e Bresmes di Bergamo. Quarto uomo: Di Martino di Teramo.

RETE: 18' pt Di Noia (C), 22' pt Kupisz (C), 22' st Castiglia (PV), 27' st Berra (PV)

NOTE: ammoniti Vita (C)

Un primo tempo perfetto, una ripresa cominciata amministrando il vantaggio e chiusa con le idee confuse. Il Cesena si fa incredibilmente raggiungere dalla Pro Vercelli che strappa un prezioso pareggio al Manuzzi con due soli tiri in porta. Il Cavalluccio, che nei primi 45' aveva dominato, nella ripresa commette due errori. Quello, evidente, sicuro, di lasciare l'iniziativa agli avversari e di chiudersi un po' troppo e quello, più che probabile, di credere che la partita sia in ghiaccio sul 2-0. E in effetti per oltre 70 minuti gli uomini di Grassadonia non hanno detto niente, facendo intuire che quel Pro che portano davanti al nome della città significhi Lega Pro. Il Cesena invece avrebbe meritato il terzo gol e poi tutti a nanna. Poi è cambiato qualcosa: gli uomini di Castori hanno cominciato a comportarsi non esattamente da uomini di Castori sfoderando più colpi di tacco che grinta. Ma, soprattutto, devono aver pensato che i piemontesi non li avrebbero mai impensieriti. Insomma, li hanno sottovalutati. Sbagliando perché i Bianchi sono stati abili a sfruttare due occasioni, due errori della retroguardia bianconera. Capitalizzate al massimo: due tiri e due gol. Una respinta corta e una dormita su angolo. Nessun'altra azione degli ospiti degna di nota. Sono bastati due granellini di sabbia a inceppare una macchina che pareva perfetta. Nel finale la reazione dei padroni di casa si è vista (Schiavone ha sfiorato una rete leggendaria) ma non come ci si sarebbe aspettati. Più che un calo fisico (il Cesena comunque aveva giocato sabato, gli avversari venivano da 10 giorni di riposo) è sembrata una questione mentale, un problema di testa. Essere raggiunti da una delle squadre più scarse viste quest'anno al Manuzzi (alla pari della Ternana) deve avere deconcentrato i bianconeri. Così bisogna accontentarsi di un misero punto che porta il Cavalluccio fuori dalla zona play out ma che lascia l'amaro in bocca al pensiero di come sarebbe stata la classifica con una vittoria che, ripetiamo, per 70 minuti il Cesena ha ampiamente meritato. E con questa, sono 5 le partite consecutive in cui i piemontesi fanno punti coi bianconeri. 

49' st Finisce qui. Cesena-Pro Vercelli 2-2

49' st E' addirittura la Pro a chiudere in avanti. Pasticcio fra Fulignati e i difensori. 

47' st Perticone butta palla in avanti ma la perde. Rinvio dal fondo. 

46' st Fallo di Kupisz in attacco. 

45' st Quattro minuti di recupero.

44' st Dal corner Suagher la mette fuori. 

44' st Cesena a testa bassa. Angolo!

43' st Cacia, prima palla toccata, prova a piazzarla ma Pigliacelli non si fa sorprendere. 

42' st Perticone passa a destra, Scognamiglio a sinistra, Esposito e Suagher centrali.

39' st Cacia per Vita nel Cesena. Esposito per Donkor, infortunato.  

37' st Angolo di Schiavone. Telefonato. Pigliacelli senza problemi. 

35' st Che rischio. Fulignati anticipa Da Silva, lanciato a rete. 

33' st Sassata da 30 metri di Di Noia, miracolo di Pigliacelli! Il Cesena spinge di nuovo. 

32' st Subito grande slalom di Chiricò che salta mezza difesa, la palla giunge a Vita ma la conclusione è debole. 

31' st Ecco il cambio. Chiricò per Dalmonte. 

30' st Ancora nessun cambio per Castori ma i suoi sembrano frastornati. E pensare che era una partita ce il Cesena stava dominando. 

Il gol. Dal corner, Berra anticipa Scognamiglio (secondo errore consecutivo) sul secondo palo e insacca di testa. Il Cesena sta dilapidando un patrimonio. Berra, ironia della sorte, è entrato solo perché Alcibiade si è fatto male. 

27' st GOL! Berra. Cesena-Pro Vercelli 2-2

27' st Raicevic ci prova due volte. Angolo. 

26' st Schiavone sfiora il 3-1 con un diagonale che finisce a lato di un nulla dopo una respinta del portiere avversario. 

25' st Pro Vercelli costretta a cambiare Alcibiade che si è infortunato. Al suo posto entra Berra.

Il gol. Respinta corta di Scognamiglio e la girata dell'ex Castiglia al limite non dà scampo a Fulignati. Il tiro si insacca nell'angolino alla sinistra del portiere. Primo tiro in porta della Pro, il Cesena ha commesso l'errore di abbassarsi troppo e (forse) di deconcentrarsi. 

22' st GOL! Castiglia. Cesena-Pro Vercelli 2-1

20' st La Pro non trova spazi in avanti nonostante il maggior possesso palla.

18' st I bianconeri si permettono anche un po' di accademia con colpi di tacco e giocate sul velluto. 

17' st Deviazione sotto porta di Raicevic su cross di Ghiglione. Palla lontana dalla porta. 

16' st Destro a giro di Jallow, facile preda del portiere ospite. 

15' st Di Noia giganteggia a centrocampo. Che partita che sta facendo. 

14' Destro di Schiavone che finisce alto. 

13' st Gli ospiti spingono con costanza ma, nei fatti, ottengono molto poco. Manovra imprecisa. 

12' st Suagher chiude Raicevic in angolo. Il tiro dell'attaccante montenegrino viene smorzato dal centrale bianconero. 

11' st Jallow fa i soliti disastri in attacco. Il suo cross viene respinto con affanno. Angolo per il Cesena. 

9' st Sponda di testa di Jallow per Kupisz. Il polacco si presenta davanti a Pigliacelli ma pecca di generosità: invece di concludere cerca un cervellotico assist per Vita. Occasione sprecata. 

7' st Castori chiede ai suoi di salire e di non farsi schiacciare all'indietro. 

6' st Cavalluccio raccolto in attesa delle mosse della Pro Vercelli. 

4' st Giro palla dei piemontesi, il Cesena attende. 

2' st Angolo per la Pro. Niente di fatto. 

1' st Si riparte. Alcibiade sostituisce Konate nei piemontesi: un difensore per un difensore. Cesena-Pro Vercelli 2-0

Alla fine del primo tempo di Cesena-Pro Vercelli viene spontanea una domanda: ma questi qua come hanno fatto a batterci 5-2 all'andata? I piemontesi infatti si dimostrano una squadra molle e senza idee, esattamente come era successo al Cavalluccio nella partita del Piola che costò il posto a Camplone. A parziale giustificazione il forfait all'ultimo momento di Vives, rilevato da Paghera: a centrocampo sono saltati tutti gli schemi e il Cesena è assoluto padrone del campo. Dopo una decina di minuti di studio, gli uomini di Castori capiscono chi hanno davanti e cominciano a spingere decisamente. Arriva un uno/due facile, molto facile. Di Noia colpisce di testa tutto solo in area di rigore mentre il tap in di Kupisz è altrettanto agevole. La reazione dei piemontesi non c'è e, anzi, sono i bianconeri a insistere, a sfiorare il tris e a mostrare anche sprazzi di buon calcio, specialmente con la coppia Jallow-Dalmonte. In pratica Fulignati resta inoperoso: la Pro Vercelli non ha mai inquadrato lo specchio della porta. La situazione dopo i primi 45 minuti non potrebbe essere migliore. 

45' pt Il primo tempo finisce qui, senza recupero. Cesena-Pro Vercelli 2-0

44' pt Raicevic, un centravanti, deve chiudere su Jallow in difesa, questo dà la misura dell'andazzo della partita. 

42' pt Che roba! Tacco di Jallow a smarcare Dalmonte sulla destra, gioco di prestigio del baby ravennate che si libera, arriva fin quasi sul fondo e tenta un'altra magia di esterno da posizione impossibile. E quasi gli riesce, il suo tiro in porta è respinto con difficoltà da Pigliacelli. Spettacolo. 

40' pt Posizione centrale, dalla lunetta. Va Mammarella col mancino ma la sua conclusione non si abbassa abbastanza, pericolo scampato. 

39' pt Fallo di Scognamiglio su Raicevic al limite. Punizione pericolosissima per lo specialista Mammarella. 

36' pt La Pro Vercelli alza un po' il baricentro. 

34' Diagonale di Reginaldo che approfitta di una carambola al limite dell'area. Pallone sul fondo ma azione di una pericolosità pressoché nulla. 

32' pt Jallow, come Dalmonte, spazia su tutto il fronte di attacco e a volta perfino irride gli avversari, tanto è facile il suo dribbling. In questa occasione il suo traversone a mezz'aria non viene sfruttato. 

Primi bilanci dopo mezz'ora. Ospiti inesistenti, Cesena convincente e padrone della partita. 

30' pt Una punizione di Schiavone crea scompiglio in area ma la difesa, seppure con affanno, riesce a liberare. 

29' pt Piemontesi fallosi, sempre in ritardo.

27' pt Ora i piemontesi devono produrre gioco, cosa che fino ad ora non hanno fatto vedere, anzi. 

25' pt Di Noia ci prova da lontano. Pigliacelli blocca. 

Il gol. Il Cesena penetra nella difesa piemontese come un coltello nel burro. Doppio scambio Dalmonte Jallow in area, sulla sinistra, il tiro cross rasoterra del gambiano attraversa tutta l'area è arpionato da Kupisz con un tap in vincente. Anche il polacco, come precedentemente Di Noia, era tutto solo. Terza rete per lui e Pro Vercelli ancora più in difficoltà. 

22' GOOOLLL! Raddoppio Cesena. Kupisz! Cesena-Pro Vercelli 2-0

20' pt Ammonito Vita per un fallo evitabilissimo in attacco (una scivolata sulle gambe di un avversario). Il giocatore però non era diffidato. 

Il gol. Angolo calibrato di Schiavone. Di Noia, lasciato completamente solo, arriva in corsa e con un colpo di testa potente castiga Pigliacelli. Il Cesena legittima la superiorità contro una Pro Vercelli in affanno. 

18' pt GOOOOOL! Di Noia Cesena-Pro Vercelli 1-0

17' pt Destro di Jallow sul primo palo, Pigliacelli in angolo!

16' pt Qualche difficoltà per i piemontesi nella fase di costruzione. 

15' pt Tentativo da fuori da Schiavone. Conclusione fuori misura. Il Cavalluccio alza ulteriormente il ritmo. 

14' pt Tiro cross di Dalmonte respinto da Pigliacelli. Cesena pressa e spinge con costanza. 

12' pt La Pro Vercelli cerca molto i cross dalla fascia destra per la testa di Raicevic e la fantasia di Reginaldo. 

11' pt Punizione di Schiavone che mette dentro. Il colpo di testa di Scognamiglio finisce sopra la traversa. 

10' pt Dal corner grande mischia in area ma nulla di fatto. 

9' pt Il Cesena insiste sulla fascia sinistra con Vita e Dalmonte e trova il primo corner. 

8' pt Due falli consecutivi di Konate che ne ha già commessi tre in pochi minuti. L'arbitro lo richiama. 

7' pt Angolo per la Pro Vercelli. Va lo specialista Mammarella. 

4' pt Jallow prende subito un fallo con una danza che fa sparire la palla a Konate. 

3' pt Jallow fa molto movimento e si porta a spasso la difesa ma la manovra non è fluida e i piemontesi allontanano la minaccia. 

1' pt Primo tentativo de match per la Pro Vercelli: spizzata di Raicevic che finisce fuori. 

1'pt Si parte. Calcio d'inizio del Cesena che attacca verso la Mare. Piemontesi in casacca gialla. Cesena-Pro Vercelli 0-0

PREPARTITA Prima dell'inizio della partita verrà osservato un minuto di silenzio in memoria di Davide Astori. Le due squadre sono entrate in campo con una maglietta commemorativa. Dieci anni fa Romano Perticone aveva giocato nella Cremonese assieme al capitano della Fiorentina: in questi momenti le emozioni del numero 2 bianconero devono essere particolarmente intense. Sul maxischermo del Manuzzi appare un'immagine di Astori e la scritta “Ciao Davide". Lacrime per Mammarella, capitano della Pro Vercelli.

Buonasera e benvenuti alla diretta testuale di Cesena-Pro Vercelli, recupero della 28esima giornata di campionato. C'è poco da girarci attorno: questa è una partita da vincere. Fondamentalmente perché è uno scontro salvezza di quelli a cinque stelle: con un successo il Cesena volerebbe a 34 punti, si metterebbe i piemontesi dietro di ben 7 lunghezze (ma con una partita in più) e uscirebbe dalla zona play out scavalcando diverse squadre. Inoltre c'è da vendicare il vergognoso 5-2 dell'andata che costò il posto a mister Camplone, dare continuità al successo di La Spezia, tornare a fare valere la legge del Manuzzi dopo il brutto ko con il Cittadella e, infine, una buona volta rifilare una sonora sconfitta a questa Pro Vercelli che negli ultimi scontri ci ha fatto sempre penare: 4 sconfitte nelle ultime 4 sfide. Una vera bestia nera, questi Bianchi. Non sarà facile perché i piemontesi, archiviata la disastrosa parentesi Atzori, da quando è tornato in panchina Grassadonia non hanno mai perso (cinque turni durante i quali hanno fermato anche il Palermo). Una squadra che sta bene dunque: psicologicamente ed atleticamente, dato che sabato non è scesa in campo a causa del maltempo e che conseguentemente è più fresca del Cesena. 

Il Cavalluccio però pare avere ritrovato il bandolo della matassa e sabato al Picco, al di là del risultato, ha fatto vedere quella compattezza e quella brillantezza da troppo tempo smarrite. Mister Castori è fiducioso: crede che il periodo buio sia passato e la statistica è dalla sua: marzo è tradizionalmente il mese in cui le sue squadre raccolgono più punti. 

Quanto alla formazione, Scognamiglio torna al centro della difesa dopo aver scontato il turno di squalifica prendendo il posto di Esposito mentre gli altri dieci ragazzi che partono titolari sono gli stessi che hanno firmato l'impresa in Liguria con davanti l'implacabile Jallow pronto ad essere innescato da Dalmonte, giocatore che nello scema tattico di Castori, grazie alla sua classe e alla sua versatilità, va a sostituire l'infortunato Laribi. Indisponibili anche Cascione e, all'ultimo momento, anche Fazzi, messo ko dall'influenza.