Camplone: "Non dobbiamo preoccuparci dei punti in palio, piuttosto va costruita la mentalità"

 di Redazione Tuttocesena  articolo letto 1083 volte
Fonte: Cesena calcio
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport
Camplone: "Non dobbiamo preoccuparci dei punti in palio, piuttosto va costruita la mentalità"

Nella tradizionale conferenza stampa pre-partita di ieri il tecnico del Cesena Camplone ha aperto con un commento sul calciomercato: "A mio avviso - ha spiegato -  il problema non è la durata del mercato ma la data di chiusura. Ritengo sia sbagliato concludere il mercato dopo l’inizio del campionato perché si possono venire a creare delle situazioni in cui i giocatori si concentrano di più sulle vicende di mercato che sulle partite che si vanno ad affrontare. Personalmente sono contento, abbiamo portato a termine acquisti importanti: Rigione lo conosciamo tutti ed apprezziamo il suo valore, Scognamiglio l’ho già avuto a Perugia e vi posso confermare che si tratta di un difensore di spessore per la categoria, Di Noia è un giovane duttile e molto interessante ed infine Cacia che credo non abbia bisogno di presentazioni".

Camplone è poi tornato a parlare del disastroso esordio in campionato contro il Bari. "Siamo partiti troppo timidi e dopo aver subito il primo goal non abbiamo avuto la capacità di reagire. In Coppa Italia, a Genova, avevo visto una squadra più sbarazzina, probabilmente i punti in palio ci hanno limitato di testa ed è la cosa più sbagliata; il campionato di serie B è lunghissimo e nel girone d’andata non dobbiamo preoccuparci troppo dei punti piuttosto va costruita la mentalità che ti porta a giocare le partite a viso aperto con intensità e cattiveria".

L'attenzione dell'allenatore abruzzese si è poi spostata sull'avversario di questa sera. "Incontriamo una squadra di ottimo livello, una neopromossa capace di sfruttare al meglio le armi che possiede. Dovremo essere semplicemente noi stessi e mi aspetto di vedere grande voglia di riscatto dopo la sconfitta di lunedì sera contro il Bari. Il Venezia non è una squadra troppo aggressiva e lascia giocare molto l’avversario ma diventa micidiale quando ha la possibilità di ripartire in velocità. Giocano molto sulle seconde palle quindi dovremo stare attenti a non sbagliare il primo passaggio. Inoltre dovremo provare a sfruttare al meglio le fasce ed essere più cinici e cattivi sottoporta".