Il Cesena rischia di perdere Ricciardo già a gennaio

Super offerte di Avellino e Como, ma il bomber bianconero vuole fortissimamente rimanere in Romagna: prolungamento in vista? Pelliccioni vuole Cheddira della Sangiustese
26.10.2018 21:00 di Flavio Bertozzi  articolo letto 4942 volte
#GR9
© foto di DiLeonforte/TuttoCesena.it
#GR9

Otto gol segnati in otto partite.
Per lo scatenato Giovanni Ricciardo, vera ed incontrastata sorpresa di questo già robusto start di stagione bianconera, parlano i numeri: all’esperto attaccante siciliano sono bastati due mesetti scarsi per diventare il vero idolo della curva Mare.
Occhio che però, a gennaio, il Cesena rischia già incredibilmente di perdere il suo bomber principe: sull’ex Sicula Leonzio, oltre che un club di serie C, sono in forte pressing anche due ricche ed ambiziose società di serie D, ovvero l’Avellino e il Como. Irpini e lariani avrebbero già fatto pervenire all’entourage del giocatore le loro succose offerte: si parla di cifre importanti – ingaggio raddoppiato – e di proposte pluriennali, anche fino a giugno 2021.

Ricciardo, legato al Cesena fino al prossimo 30 giugno, non è ovviamente rimasto indifferente dinnanzi a tutto ciò, ma ha già espresso a chiare lettere la ferma volontà  di rimanere in terra di Romagna. Anzi, c’è di più: il bomber bianconero, nelle ultimissime ore, avrebbe confidato ad alcuni amici fidati il forte desiderio di voler chiudere la carriera proprio in riva al Savio.
Anche a costo di doverci rimettere a livello economico.

Il Cesena, per scacciare definitivamente le potenti sirene di mercato irpine e lariane prolungherà il contratto a Ricciardo fino al 2020 oppure, nelle prossime settimane, scoppierà il primo vero ‘caso’ della stagione? Noi puntiamo forte (anzi, fortissimo) sulla prima ipotesi. Anche perché, lo sanno tutti (Patrignani compreso), che da qui a maggio questo Cesena non potrà  fare assolutamente a meno dei gol di #GR9.

Sempre in chiave mercato: a gennaio, a Cesena, potrebbero arrivare un baby terzino del Palermo (Pelliccioni confida in un ‘regalino’ di Foschi... ) e l'attaccante italo-marocchino classe 1998 Walid Cheddira della Sangiustese (qui però ‘qualcosa’ bisogna pagare...). Un ritorno di Cascione nella città dei tre papi è difficile... molto difficile... ma non impossibile. Tutto dipenderà anche da quello che succederà a Santarcangelo da qui a Natale.